Lempertz: a Colonia l’appuntamento con l’arte antica italiana

5 Novembre 2022, di Elisa Copeta

 In asta nella città tedesca, dal 17 al 19 novembre, capolavori d’arte di Bernini, Giampietrino e Gandolfi

 A cura di Redazione Wall Street Italia 

Rendez-vous a Colonia. Il 17 e 19 novembre torna, nella città tedesca, l’appuntamento più atteso con l’arte antica grazie all’asta di Lempertz dedicata alle arti decorative con pitture, disegni e sculture dal XIV al XIX secolo. Un evento unico che offre a tutti gli appassionati un catalogo ricchissimo con alcune opere italiane ed europee di assoluto interesse.

La scultura attribuita a Pietro e Gian Lorenzo Bernini

Tra gli highlights dell’asta, attribuito a Pietro e Gian Lorenzo Bernini, vi è il gruppo di figure in marmo bianco che rappresenta Sansone che uccide un filisteo (la stima è di  200.000 – 300.000 euro). L’episodio dell’Antico Testamento riprodotto fa riferimento alla figura biblica di Sansone che uccise mille filistei con la mascella di un asino. Nella composizione il numero dei filistei è rappresentato da un unico uomo sul quale trionfa l’eroe biblico.

La Madonna della mela, Gianpietrino

Poi la Madonna con bambino, chiamata anche Madonna della mela (la stima è di 70.000 – 90.000 euro) attribuita a Giampietrino, il più prolifico allievo milanese di Leonardo Da Vinci. Il dipinto, facente parte di una collezione svizzera dei primi del Novecento, torna sul mercato dopo circa cento anni. Il pannello è una replica autografa di una delle composizioni più fortunate di Giampietrino. Davanti a un paesaggio aperto, la Madonna, voltandosi verso il fronte del dipinto, tiene fermo il Cristo. Il Bambino guarda la madre e quest’ultima guarda lo spettatore sorridendo delicatamente.

L’opera di Ubaldo Gandolfi

Di rilievo vi è anche lo studio di Ubaldo Gandolfi che rappresenta una figura femminile di profilo con le mani congiunte (la stima è di 60.000 – 80.000 euro). L’opera, appartenente a una collezione privata francese, mostra con ogni probabilità la moglie dell’artista. Figura cardine dell’ambiente artistico italiano nell’età dei Lumi, Gandolfi partica costantemente il disegno dal naturale ottenendo livelli artistici straordinari tanto da portarlo ad essere considerato da Raphael Mengs il migliore disegnatore del suo tempo.

L’opera di Jan Davidsz De Heem 

Fuori dall’Italia i collezionisti potranno ammirare le opere di Jan Lievens, uno degli artisti più affascinanti del Seicento, Adriaen van Overbeke, Joseph Coomans e dell’olandese Jan Davidsz De Heem in asta con un olio su tela che propone fiori dai colori brillanti e frutta (la stima è di 300,000 – 350,000 euro).