DA FED IMPEGNO CONTRO RISCHIO BOLLE

1 Febbraio 2010, di Redazione Wall Street Italia

(WSI) -Tassi di interesse: in area Euro i tassi di mercato sono rimasti pressoché stabili su tutta la curva. Si restringe il differenziale sul decennale Grecia-Germania a circa 350 pb da 396 del giorno precedente. Secondo quanto riportato da Reuters sulla base di indicazioni di un quotidiano greco, l’Unione europea chiederà alla Grecia di prendere ulteriori misure per risanare le sue finanze pubbliche. Le raccomandazioni della Commissione sono infatti attese per il 3 febbraio e dovrebbero includere il taglio delle retribuzioni nominali nel settore pubblico ed un tetto alle pensioni più alte.

Allo stesso tempo un funzionario della zona Euro ha dichiarato che non vi sono discussioni ufficiali in merito ad un salvataggio della Grecia, ma non è escluso che ci siano delle discussioni informali su come comportarsi nell’ipotesi peggiore. In Spagna è stato approvato il piano che prevede la riduzione del deficit/Pil al 3% nel 2013 dall’11,4 del 2009. Tra le varie misure adottate vi è una riduzione della spesa di 50 Mld€, un aumento delle tasse e a partire dal 2013 un aumento dell’età pensionabile da 65 a 67 anni.

Negli Usa i tassi di mercato sono calati su tutte le scadenze sulla scia del ribasso nel finale delle borse Usa. L’indice S&P500 ha perso circa l’1% guidato dai comparti energia, IT e risorse base. Sul fronte macro la prima lettura del Pil relativo al quarto trimestre è risultata superiore alle attese (+5,7% t/t annualizzato) anche se il rialzo è in gran parte attribuibile alla contribuzione delle scorte (+3,39%). Positivo anche il contributo dei consumi (+1,44%).

Oggi la giornata è ricca di eventi poiché sono previsti i dati relativi ai consumi e redditi di dicembre (attesi entrambi in rialzo) e l’Ism manifatturiero di gennaio, atteso invece leggermente in calo. Durante la notte, James Bullard, presidente della Fed di St. Louis e membro votante del FOMC, ha dichiarato che gli Usa hanno evitato il pericolo di deflazione come avvenuto in Giappone nella scorsa decade. Ha aggiunto che il FOMC nella prossima riunione dovrà focalizzarsi di più sui fattori quali la possibile formazione di bolle speculative, invece che enfatizzare solamente l’inflazione e la disoccupazione.

Oggi sarà annunciato anche il disegno di legge finanziaria della Casa Bianca. Secondo Reuters, per l’anno fiscale 2010 è previsto un deficit di bilancio record pari a 1600Mld$ (nel 2009 è stato pari a 1400Mld$). Il deficit dovrebbe diminuire a 700 Mld$ entro il 2013 per poi risalire a 1000Mld$ a fine decade. Sul decennale governativo il supporto si colloca al 3,55%.

Valute: prosegue l’apprezzamento del dollaro vs euro con il cross calato ai minimi dallo scorso luglio. Oggi la giornata potrebbe essere particolarmente volatile alla luce dei numerosi eventi. L’area di supporto si colloca in prossimità di 1,3750-1,3830. La resistenza intorno ad 1,40. Secondo il Cftc, la scorsa settimana gli speculatori hanno aumentato l’ammontare delle scommesse a favore di un apprezzamento del dollaro vs euro ai massimi dallo scorso settembre. Lo yen si è apprezzato in apertura dei mercati asiatici per poi deprezzarsi successivamente. Verso euro il cross si è spinto fino al supporto collocato a 124,40, livello che separa i valori attuali dal supporto successivo collocato in prossimità di 120. Secondo il Cftc gli speculatori la scorsa settimana hanno ridotto dell’83% le posizioni al ribasso sullo yen vs dollaro. Continua a rimanere stabile lo yuan cinese vs dollaro dopo che il Pmi manifatturiero della Cina a gennaio è calato oltre le attese.

Materie Prime: altra giornata negativa per le materie prime penalizzate dall’apprezzamento del Dollaro. Il greggio Wti (-1%) è calato ai minimi da 5 settimane penalizzato anche dal calo delle borse Usa. Pesanti i metalli industriali guidati dal calo del rame (-2,2%). Leggermente negativi i preziosi, mentre tra gli agricoli spiccano il ribasso di grano (-2,7%) e cacao (-2,3%). In controtendenza lo zucchero (+3,1%) che ha raggiunto il nuovo massimo da 29 anni.

Copyright © Servizio Market Strategy MPS Capital Services per Wall Street Italia, Inc. Riproduzione vietata. All rights reserved

*Questo documento e’ stato preparato da MPS Capital Services ed e’ rivolto esclusivamente ad investitori istituzionali ovvero ad operatori qualificati, così come definiti nell’art. 31 del Regolamento Consob n° 11522 del 1° luglio 1998 e successive modifiche ed integrazioni. Le analisi qui pubblicate non implicano responsabilita’ alcuna per Wall Street Italia, che notoriamente non svolge alcuna attivita’ di trading e pubblica tali indicazioni a puro scopo informativo. Si prega di leggere, a questo proposito, il disclaimer ufficiale di WSI.