CREPE DI GOVERNO

9 Settembre 2008, di Redazione Wall Street Italia

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell’ autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di Wall Street Italia, che rimane autonoma e indipendente.

(WSI) – Probabilmente è tutta colpa del « vento del Nord». Ha soffiato troppo forte, alle elezioni del 13 e 14 aprile. Ha gonfiato le bandiere verdi della Lega in un modo così vistoso da mettere in tensione i rapporti fra Silvio Berlusconi ed il partito di Umberto Bossi. La «luna di miele» del premier con l’Italia fa concorrenza a quella che il capo dei lumbard vuole perpetuare con la «sua» Padania. Il risultato è un braccio di ferro a intermittenza, che finisce per trasmettere l’immagine di una coalizione senza avversari esterni, eppure litigiosa; percorsa da nervosismi che si proiettano su tutto il centrodestra.


Non ci sono segnali di rottura, ma di confusione sì. Qualcuno prevede che possano sparire d’incanto entro qualche giorno: quando palazzo Chigi, si dice, licenzierà il provvedimento sul federalismo fiscale che sta a cuore a Bossi ed ai suoi amministratori locali. A quel punto, forse, finiranno le critiche leghiste al ministro berlusconiano dell’Istruzione, Maria Stella Gelmini, ricambiate duramente. Si chiariranno del tutto i malintesi sul «braccialetto » per i detenuti. E magari la Padania smetterà di evocare un Carroccio costretto a «mettere pace fra i duellanti» Roberto Formigoni, Letizia Moratti e Giulio Tremonti sull’Expo del 2015 a Milano.


Ma nel cuore geografico del potere berlusconiano, lungo l’asse lombardo- veneto che ha rappresentato l’avanguardia anche culturale del primato del centrodestra, gli equilibri stanno cambiando. Anzi, col suo atteggiamento aggressivo la Lega sembra dire che si sono già modificati a proprio favore.


Dietro gli scarti di Bossi, dietro un’insoddisfazione ora trattenuta, ora esagerata, si intravede il calcolo di affermare non tanto la propria identità, ma il proprio potere contrattuale; e di vederlo riflesso nelle decisioni del Parlamento. È una sfida formalmente a «Roma», in realtà ad un presidente del Consiglio che dal 1994 si è affermato come una sorta di «leghista nazionale»: alleato e insieme garante di un movimento che aveva bisogno di Berlusconi non solo per prendere voti ma per farli pesare.

La sensazione, però, è che ormai la Lega si senta abbastanza forte e radicata nel suo territorio da rivendicare una visibilità che si legittima da sola. Bossi sembra ritenere di non avere più bisogno di garanti. La sua insistenza sulle «mani libere» ha senz’altro un risvolto tattico: vuole piegare le resistenze alleate. Ma riflette anche un’inquietudine verso il governo, che non si placherà facilmente perché tocca interessi finora convergenti; e oggi, invece, per la prima volta in larvata competizione. Sono significativi i commenti provenienti dal versante berlusconiano, che pongono il problema del «partito-guida» del centrodestra nel Nord del Paese. Senza volerlo, offrono una traccia che permette di risalire ai motivi veri del contrasto: anche se non è detto che l’elettorato li riconosca come tali; e soprattutto che li apprezzi.

Copyright © Corriere della Sera. Riproduzione vietata. All rights reserved