Canone RAI: carcere per chi evade

30 Marzo 2016, di Alessandra Caparello

ROMA (WSI) – Da quest’anno il canone Rai avrà un importo più basso, 100 euro, ed entra nella bolletta della luce. Si inizierà a pagare da luglio con una maxi rata di 60 o 70 euro e poi le ultime due bollette 2016 saranno gonfiate dal restante importo da versare, ossia 30 o 40 euro. Poi dal 2016 l’importo sarà spalmto sulle bollette bimestrali o mensili a seconda della compagnia elettrica.

L’unica eccezione è per i residenti di 20 isole che hanno rete elettrica autonoma da quella nazionale (Ustica, le Tremiti, Levanzo, Favignana, Lipari, Lampedusa, Linosa, Merettimo, Ponza, Giglio, Capri, Pantelleria, Stromboli, Panarea, Vulcano, Salina, Alicudi, Filicudi, Capraia, Ventotene) in cui il canone Rai non arriverà in bolletta, ma dovrà essere pagato con il modello F24 entro il 31 ottobre 2016.

L’imposta  dovrà essere pagata da tutti coloro cha hanno attiva in casa una fornitura di energia elettrica, tranne per le seconde case sfitte, a meno che non si detenga il televisore.

In questo caso occorre presentare una dichiarazione all’Agenzia delle entrate di non detenzione della televisione che esonera dal pagamento del canone Rai . La dichiarazione deve essere presentata alla stessa Agenzia sulla base del modello appositamente adottato e disponibile sul sito istituzionale delle Entrate.

Entro quanto tempo va presentata? A seconda che si scelga l’invio telematico dal sito dell’Agenzia, dotati di credenziali come Fisconline o Entratel o per posta (in tal caso l’indirizzo è Agenzia delle entrate- Ufficio di Torino 1 – S.A.T Sportello Abbonamenti tv – Casella Postale 22 – Cap 10121 – Torino) le scadenze per presentare la dichiarazione sono il 10 maggio 2016 nel primo caso e il 30 aprile nel secondo. Se spedirete il modulo tra il primo maggio e il 30 giugno (per posta) o dall’11 maggio al 30 giugno (via computer), l’esenzione dal canone Rai varrà solo per il secondo semestre 2016. La dichiarazione va presentata ogni anno perché ha validità annuale. Così per avere effetto per l’intero canone 2017, il modulo andrà spedito dal primo luglio 2016 al 31 gennaio 2017. Il modulo presentato dal primo febbraio al 30 giugno 2017 ha effetto per il semestre luglio-dicembre 2017.

Per chi dichiara il falso e presenta la dichiarazione di non detenzione delle televisione, e come tle commette l’evasione dell’imposta rischia una condanna al carcere da 8 mesi a 4 anni. Ma cosa succede se si paga solo il consumo elettrico e non si verso il canone? Non si rischia assolutamente il distacco dalla luce.

In attesa che venga adottato il decreto attuativo del Ministero dell’economia e dello Sviluppo economico che fornisce altri dettagli, la Rai ha attivato un numero gratuito (800938362) a cui chiedere informazioni.