BOOM HEDGE FUND: USA GRANDE DEBITORE CAYMAN

28 Maggio 2005, di Redazione Wall Street Italia

Gli Stati uniti d’America grandi debitori delle isole Cayman. Poco più di 44.000 abitanti, disseminati su 260 chilometri quadrati di spiagge, alberghi, società finanziarie e vegetazione caraibica, formalmente titolari della quarta fetta al mondo del debito della più grande potenza mondiale.

Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link INSIDER

Una illusione contabile generata dalla crescita esplosiva e, per alcuni versi, misteriosa dell’attività degli hedge fund che negli ultimi mesi, complice il calo dei rendimenti a lungo termine in dollari Usa, hanno accentuato gli investimenti in titoli del debito internazionale, con una spiccata predilezione per le obbligazioni del Tesoro americano. Ma il paradosso finanziario non si ferma qui.

I fondi di investimento speculativi che, almeno in termini di sede legale, proliferano nelle isole Cayman, finanziano i loro investimenti (stando alle rilevazioni della Banca dei regolamenti internazionali) con il credito ottenuto proprio da banche statunitensi. Una sorta di gigantesca triangolazione che nel solo terzo trimestre dello scorso anno (l’ultimo rilevato dalla Bri) ha prodotto un flusso di impieghi verso il settore non bancario (oltre agli hedge fund, anche compagnie di assicurazione e società veicolo) delle isole Cayman pari a 436 miliardi di dollari.

E “l’aumento delle attività verso il settore non bancario nelle isole Cayman – sostengono alla Bri – nel corso del 2004 sembra corrispondere approssimativamente con quello degli acquisti di titoli del Tesoro Usa da parte di soggetti con sede nelle stesse isole”.