BENVENUTO: “PIU’ SANZIONI CONTRO L’AGGIOTAGGIO”

9 Marzo 2000, di Redazione Wall Street Italia

Il presidente della Commissione Finanze della
Camera, Giorgio Benvenuto, in un’intervista televisiva a Ansa-Bloomberg, condivide le questioni sollevate nei giorni scorsi dal presidente della Consob (Commissione di controllo per le società e la Borsa) Luigi Spaventa, che
sono anche state oggetto di un’audizione alla Commissione Finanze della Camera.

Spaventa ritiene che le sanzioni per il reato di aggiotaggio devono essere inasprite e che è necessario dare maggiori poteri all’Autorità di vigilanza, per rispondere alle nuove necessità dettate dal forte sviluppo del mercato di Borsa.

“Sono totalmente d’accordo con lui”, ha detto Benvenuto, “le regole sono state dettate quando la Borsa non aveva acquistato la forza e le
dimensioni di oggi: ora la Consob deve avere più poteri per fare in modo che l’allargamento del mercato a cui stiamo assistendo avvenga nel modo più trasparente possibile”.

Tra le priorità, per il presidente della Commissione Finanze c’è la revisione delle sanzioni, innanzitutto inasprendo quelle
che riguardano il reato di aggiotaggio.

“Oggi”, ha spiegato, “l’insider trading è maggiormente sanzionato rispetto all’aggiotaggio: dovrebbe essere esattamente il contrario
perchè dal punto di vista della pericolosità, il secondo reato è molto peggio del primo”.