ANALISI QUOTIDIANA FIB30

15 Maggio 2001, di Redazione Wall Street Italia

Analisi del pomeriggio: In mattinata il Fib30, dopo un’apertura in gap up a 40.070, ha subito corretto con forza portandosi al di sotto del supporto a 39.750 (minimo infraday 39.520).

Il successivo movimento di pullback non ha consentito alle quotazioni di superare tale livello. Nel pomeriggio potrebbe proseguire la correzione fino a 39.450.

Sotto tale livello il tono peggiorerebbe e si proporrebbe il test di 39.200. In ogni caso, finché le quotazioni si muovono all’interno della banda di congestione 39.000 – 40.200 non possiamo aspettarci variazioni significative.

Al di sopra di 40.200 riprenderebbe invece il mini-rally in atto, con obiettivo la resistenza critica a 41.000. La rottura di tale livello farebbe riprendere slancio al derivato con obiettivo 42.500 (livelli intermedi 41.500 e 42.000).

La rottura di 39.000 porterebbe invece al test del supporto critico a 38.800: la rottura di tale livello deteriorerebbe il quadro tecnico del derivato e sotto 38.500 ci sarebbe il rischio di una discesa verso il supporto a 37.000 (assai improbabile).

STRATEGIA

Le posizioni lunghe aperte in mattinata in area 39.825-39.875 sono state chiuse in s/l a 39.550

Per il pomeriggio si potrebbero aprire posizioni lunghe su correzioni in area 39.475-39.525, con s/l a 39.175 e t/p in area 39.725-39.775, portando lo s/l sul prezzo di carico se le quotazioni raggiungono 39.650.

Si potrebbero aprire posizioni corte su eventuali rialzi in area 39.850-39.900, con s/l 40.225 e t/p in area 39.525-39.575, portando lo s/l sul prezzo di carico se le quotazioni raggiungono 39.675.

SUPPORTI:
39.600;
39.450;
39.200;
38.950;
38.800.

RESISTENZE:
39.750;
39.900;
39.900;
40.070;
40.200.

N.B: i dati sul FIB30 si riferiscono al contratto di Giugno 2001
Analisi a cura di: Sarricchio Giuliano – Ufficio Analisi Tecnica Gruppo Banca Sella