ALCATEL-LUCENT: RISCHI DELL’ACQUISIZIONE

29 Maggio 2001, di Redazione Wall Street Italia

Lucent Technologies (LU – Nyse) e la francese Alcatel (ALA – Nyse) continuano i negoziati di acquisizione, un’operazione che potrebbe unire due dei maggiori fornitori di apparecchiature per le telecomunicazioni nel mondo. Un accordo potrebbe essere raggiunto gia’ questa settimana.

I $23,5 miliardi in titoli azionari che la societa’ francese e’ disposta a pagare per Lucent non offrirebbero alcun premio per gli azionisti ed escluderebbero, secondo il Wall Street Journal, la partecipazione al 58% in Agere Systems, che dovrebbe essere scorporata come da programma. Esclusa anche la divisione fibre ottiche, sulla quale sono interessate Alcatel e Pirelli.

L’acquisizione rappresenta pero’ uno dei maggiori affari nella storia dell’high-tech e potrebbe costringere le societa’ concorrenti al consolidamento per ridurre i costi in risposta al calo della domanda per le apparecchiature per la telecomunicazione.

La nuova societa’ Alcatel-Lucent potrebbe infatti risparmiare annualmente $4 miliardi e offrire un’ampia gamma di prodotti ai maggiori clienti.

Alcatel – il quarto produttore europeo di apparecchiature per la telecomunicazione – intende acquistare Lucent per entrare nel mercato americano – ma gli analisti hanno dubbi sull’efficacia della sua scelta.

“Sono sorpreso che non ci siano piu’ proteste da parte degli azionisti istituzionali di Alcatel – ha commentato David Heger di A.G. Edwards & Sons – Alcatel dovrebbe focalizzare la sua attenzione sui propri risultati invece di invischiarsi con Lucent”.

Ci sono poi vari rischi associati con l’affare. “Uno e’ il flowback di azioni dagli USA”, ha commentato Antoine Joly, analista di Aurel Leven, sottolineando che i gestori americani di fondi rimetterebbero subito sul mercato le azioni di Alcatel utilizzate come pagamento.

L’approvazione dell’affare transatlantico puo’ poi essere molto lunga in quanto Bell Laboratories – la divisione di ricerca di Lucent – detiene materiale riservato dopo aver lavorato con il governo americano su questioni legate alla sicurezza.

“Un terzo rischio – ricorda Joly – e’ legato all’integrazione e alla ristrutturazione delle due societa’ che potrebbero causare un calo di profitto di Alcatel”.