Al Walid contesta Forbes: “Sottovalutate la mia fortuna”

5 Marzo 2013, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – Il miliardario saudita, principe al Walid ben Talal, ha deciso di rompere con la rivista americana Forbes, “colpevole” di aver sottovalutato la sua fortuna. E’ quanto si apprende da una nota del suo gruppo, Kingdom Holding, pubblicata in data odierna.

Nella sua classifica 2013 pubblicata ieri, Forbes ha stimato il patrimonio di Walid a 20 miliardi di dollari, facendolo solo il 26esimo uomo più ricco del pianeta. E’ quello che contesta Kingdom Holding che fa notare che dopo sei anni di collaborazione con le squadre, nella nota, di valutazione di Forbes, queste ultime hanno rifiutato di calcolare la fortuna di Walid sulla base dei suoi beni quotati alla Borsa saudita.

Kingdom Holding in particolare contesta che queste squadre abbiano preso in considerazione delle voci secondo cui la “manipolazione” dei dati di questa borsa è uno “sport nazionale” in Arabia saudita per l’assenza di casinò, vietati nel regno.

“Dopo aver constatato che Forbes non ha alcuna intenzione di migliorare il suo metodo di valutazione della nostra holding, abbiamo deciso” di cessare la nostra collaborazione con la rivista, ha precisato la nota. Per contro la holding afferma che continua ad accordare la sua fiducia a Bloomberg Billionaires che ha stimato la fortuna del principe al Walid, un nipote di re Abdallah, a 28 miliardi di dollari.

Kingdom Holding, controllata al 95% dal principe Walid, è un grande investitore mondiale. Possiede una catena di hotel di lusso, fra cui il parigino Georges V. Detiene inoltre delle quote in Citygroup (banca), News Corp (media), Apple (informatica), e Walt Disney Corp. (TM NEWS)