AL QAEDA STA PREPARANDO AUTOBOMBE PER L’ ITALIA?

18 Luglio 2004, di Redazione Wall Street Italia

Al Qaeda torna a minacciare l’Italia. All’indomani del comunicato pubblicato da un sito web vicino alle organizzazioni estremiste islamiche, in cui si intima al nostro paese di “liberarsi dell’incompetente Berlusconi”, altrimenti “scorrerà molto sangue, come fu per l’11 settembre in America”, oggi, dal medesimo sito, un gruppo che si firma “Brigate Khaled Ibn al Walid Al Qaeda” chiede “per l’ultima volta” agli italiani di sollecitare il governo “al ritiro pacifico dall’Iraq”. Altrimenti, si legge, il nostro paese sarà vittima di attentati con “le automobili della morte”.

“Italiani – si legge nel comunicato – il vostro governo ha preso parte alla guerra contro l’Iraq e ha inviato militari e arsenali nel nostro paese. Vi chiediamo per l’ultima volta di sollecitarlo a ritirarsi pacificamente dall’Iraq”. Nel messaggio (la cui autenticità non è stata ancora verificata) si ricorda che l’Italia ha già ricevuto altri comunicati in passato, ma “il governo italiano non ha capito, perché l’unico linguaggio che è in grado di comprendere è quello del sangue e della jihad”.

L’Italia, avverte il gruppo, “dovrà assumersi la responsabilità di aver rifiutato le nostre proposte di pacificazione. Le auto della morte, lo giuriamo, non si fermeranno. Vi consigliamo di procurarvi sacchi neri e bare dove mettere le vostre vittime”. Il riferimento è ad una registrazione diffusa lo scorso 15 aprile dall’emittente araba Al Jazeera, ed autenticata dalla Cia, con la quale Osama Bin Laden proponeva “la pace” ai paesi europei, che avrebbero dovuto impegnarsi a “non aggredire i musulmani”, pace che sarebbe scattata con il ritiro dei soldati della coalizione “dalle nostre terre”. In quel caso, il leader di Al Qaeda aveva dato ai paesi interpellati tre mesi di tempo per ritirare le truppe.

Copyright © La Repubblica per Wall Street Italia, Inc. Riproduzione vietata. All rights reserved