Yahoo! perde quote mercato. E ora vuole sbarazzarsi di parte Alibaba

22 Dicembre 2011, di Redazione Wall Street Italia

New York – I fari della borsa sono puntati su Yahoo, dopo le indiscrezioni secondo cui il gruppo Internet avrebbe in programma di ridurre dal 40 al 15% la quota di partecipazione in Alibaba – la maggiore società di e-commerce in Cina -, nell’ambito di una transazione esentasse valutata oltre i 17 miliardi di dollari. Motivo dell’operazione: agire per far fronte al calo delle quote di mercato, che Yahoo sta soffrendo soprattutto nei confronti di Google.

Secondo voci che si rincorrono sul mercato, al momento non confermate dai diretti interessati, la cessione della quota nella società cinese di ecommerce, rilevata nel 2005 per un miliardo di dollari, sarà discussa oggi dal board americano. Nell’ambito della stessa operazione, Yahoo potrebbe tra l’altro anche vendere l’intera partecipazione nella sua divisione giapponese, Yahoo Japan.

Se l’operazione dovesse andare in porto, si tratterebbe di una vittoria per Alibaba, che sta cercando di riacquistare tale quota da settembre scorso, cioè da quando Carol Bartz, da sempre contraria a tale cessione, si è dimessa dalla carica di amministratore delegato. L’accordo potrebbe infatti anche permettere ad Alibaba di riprendersi la quota senza pagare alcuna imposta fiscale.

Da tempo alle prese con una perdita di quote di mercato, Yahoo potrebbe – secondo gli analisti – iniziare a considerare seriamente le proposte avanzate da alcune società di private-equity (tra cui TPG Capital), interessate all’acquisto di partecipazioni di minoranza nel gruppo.

“Yahoo è ora molto più determinata a trovare una soluzione” ha commentato Paul Wuh, analista presso Samsung Securities, secondo cui il cambio ai vertici sta accelerando il processo di ristrutturazione del gruppo.