Western Union sta per acquisire Travelex Global Business Payments

6 Luglio 2011, di Redazione Wall Street Italia

The Western Union Company (NYSE:WU) ha annunciato in data odierna di aver sottoscritto un contratto con Travelex Holdings Limited per l’acquisizione della divisione Travelex Global Business Payments, un importante fornitore specializzato in pagamenti commerciali internazionali, al prezzo di 606 milioni di sterline in contanti. Travelex Global Business Payments (TGBP) effettua pagamenti commerciali per conto di 35.000 clienti all’anno in 14 Paesi. La divisione fornisce servizi per l’effettuazione di pagamenti internazionali a clienti aziendali, ovvero piccole e medie imprese, grandi aziende e distributori terzi, tra cui più di 500 istituti finanziari. L’utile stimato di TGBP per il 2011 corrisponde a circa 150 milioni di sterline, con un EBITDA normalizzato pari al 30 per cento circa. L’acquisizione, unitamente al segmento preesistente di Western Union Business Solutions, doterà Western Union di una posizione di testa nel settore internazionale ampio e in continua espansione dei pagamenti commerciali che è alimentato da una rapida crescita del commercio transfrontaliero. L’utile generato solo dai pagamenti transfrontalieri per conto di aziende di piccole e grandi dimensioni a livello globale si aggira sui 24 miliardi di dollari (in base a quanto stimato da McKinsey e dalla società), ove tale importo, a parere di Western Union, è assimilabile a quello generato dal mercato delle rimesse transfrontaliere per conto di consumatori privati. Hikmet Ersek, presidente e direttore generale di Western Union, ha dichiarato: “L’acquisizione di Custom House nel 2009 ci ha aperto le porte del settore dei pagamenti transfrontalieri business-to-business, e l’acquisizione di Travelex Global Business Payments si tradurrà immediatamente in un ampliamento della nostra portata, della nostra presenza e delle nostre capacità. È con vivo entusiasmo che porgiamo il benvenuto ai dipendenti e ai clienti di Travelex Global Business Payments in seno alla famiglia Western Union.” Peter Jackson, Direttore generale di Travelex, ha affermato: “Sono molto lieto che sia stata raggiunta un’intesa con Western Union, la quale trarrà senz’altro vantaggio dalle competenze e dalla clientela acquisita da TGBP dotando al tempo stesso TGBP di significative opportunità di ulteriore crescita.” La fusione tra Western Union Business Solutions e Travelex Global Business Payments si tradurrà immediatamente in un’estensione della presenza a ben 16 Paesi con la facoltà di sfruttare le competenze nel ramo business-to-business, la piattaforma di distribuzione e il portafoglio di prodotti e funzionalità di TGBP abbinati al marchio, alle operazioni preesistenti nel segmento soluzioni commerciali, all’infrastruttura e alle collaborazioni globali e alla solidità finanziaria di Western Union. Western Union intende accelerare la crescita dell’impresa fusa attingendo alle capacità e risorse accresciute per promuovere l’ulteriore espansione geografica, acquisire nuovi clienti e accedere a nuovi segmenti, integrare le capacità di distribuzione tramite terze parti di TGBP nei rapporti intrattenuti da Western Union con gli istituti finanziari, e sfruttare la rete di agenzie di Western Union per la distribuzione in determinati mercati. Hikmet Ersek ha aggiunto: “Western Union continuerà ad accordare priorità a tre aree strategiche di crescita chiave: trasferimenti di denaro per conto dei consumatori privati, pagamenti business-to-business e carte con valore immagazzinato (stored value)/prepagate. Il segmento aziendale operante nel ramo dei trasferimenti di denaro gode di ottima salute e sta continuando a crescere. Il segmento delle carte con valore immagazzinato è ancora nelle prime fasi di sviluppo sia negli Stati Uniti che nel resto del mondo e pensiamo che il nostro marchio e la nostra rete ci garantiscano un futuro roseo nel lungo periodo. Per quanto concerne il ramo dei pagamenti business-to-business, la fusione tra Travelex Global Business Payments e Western Union Business Solutions ci dota di solide fondamenta in un settore in crescita caratterizzato da una domanda ampiamente insoddisfatta oltre ad offrirci l’opportunità di alimentare un’ulteriore crescita per numerosi anni a venire.” Western Union prevede un tasso medio di crescita annua dell’utile generato complessivamente da TGBP/Western Union Business Solutions del 10% circa nei prossimi tre anni, con una crescita accelerata a più lungo termine e delle opportunità di accrescimento del margine al completamento dell’integrazione. Si stima che le spese associate all’integrazione ammonteranno a circa 70 milioni di dollari nell’arco di due anni, mentre i risparmi derivati dalle sinergie dovrebbero ammontare a 30 milioni di dollari circa all’anno dopo l’integrazione completa (le stime sono basate sui tassi di cambio correnti). Secondo le previsioni della società, la spesa d’ammortamento non monetaria associata all’acquisizione dovrebbe aggirarsi su approssimativamente 40 milioni di dollari all’anno a partire dal 2012. Si prevede che l’acquisizione di TGBP avrà un effetto diluente sul rendimento per azione GAAP di Western Union nella misura di $0,02 circa nel 2011 e di $0,04 circa nel 2012 in considerazione dei costi associati alla transazione e all’integrazione e della spesa d’ammortamento non monetaria (l’acquisizione dovrebbe determinare un aumento del flusso di cassa nel 2012). Si stima che l’acquisizione determinerà un incremento del rendimento per azione GAAP del 2013 nella misura di approssimativamente $0,04. La transazione dovrebbe essere perfezionata verso la fine del 2011, previo l’ottenimento delle approvazioni necessarie da parte degli enti normativi competenti e il soddisfacimento delle condizioni di chiusura standard. L’acquisizione in contanti sarà finanziata tramite le disponibilità liquide correnti di Western Union, ove detto finanziamento proverrà in via primaria dalla liquidità internazionale. Teleconferenza per gli analisti e gli investitori Western Union terrà una teleconferenza e un webcast in data odierna alle ore 9.00 del fuso orario della costa orientale degli Stati Uniti. Per ascoltare la conferenza in diretta per telefono comporre il numero 800-591-6945 (dagli Stati Uniti) oppure il numero +1-617-614-4911 (da tutti gli altri Paesi) dieci minuti prima dell’inizio della medesima. Il codice di accesso è 53006181. La teleconferenza sarà disponibile tramite webcast all’indirizzo http://ir.westernunion.com. Per partecipare all’evento bisogna iscriversi, pertanto si invitano i lettori ad iscriversi almeno cinque minuti prima dell’orario di inizio programmato. La teleconferenza verrà ritrasmessa a partire da due ora circa dopo il termine della medesima fino al 13 luglio 2011 e vi si potrà accedere componendo il numero 888-286-8010 (dagli Stati Uniti) oppure il numero +1-617-801-6888 (da tutti gli altri Paesi). Il codice di accesso è 60767351. Nelle suddette date sarà inoltre disponibile una ritrasmissione del webcast cui si potrà accedere all’indirizzo http://ir.westernunion.com. Nota: tutte le dichiarazioni rilasciate dagli amministratori di Western Union in merito alla teleconferenza di cui sopra sono proprietà di Western Union e sono pertanto soggette a diritti d’autore. Fatta eccezione per la ritrasmissione, Western Union non ha autorizzato e declina qualsiasi responsabilità per qualsiasi registrazione, ritrasmissione o distribuzione di una qualsiasi trascrizione della teleconferenza in oggetto. Consulenti finanziari Morgan Stanley & Co. LLC ha funto da consulente finanziario di Western Union, mentre Lazard Frères & Co., LLC ha fornito consulenza finanziaria al Consiglio di amministrazione della società in merito alla transazione. Informazioni su Western Union The Western Union Company (NYSE : WU) è un fornitore di spicco di portata globale di servizi per trasferimenti di denaro. Insieme alle proprie consociate Vigo, Orlandi Valuta, Pago Facil e tramite propri servizi riportanti il marchio Western Union Business Solutions, Western Union offre a privati e aziende modi veloci, affidabili e comodi per inviare e ricevere denaro in tutto il mondo, nonché per inviare pagamenti e acquistare vaglia postali. I servizi riportanti i marchi Western Union, Vigo e Orlandi Valuta vengono offerti tramite una rete unificata di approssimativamente 455.000 agenzie ubicate in 200 Paesi e territori. Nel 2010 The Western Union Company ha effettuato 214 milioni di transazioni consumer-to-consumer a livello mondiale, con un montante figurativo complessivo trasferito tra consumatori pari a 76 miliardi di dollari, e 405 milioni di pagamenti commerciali. Per maggiori informazioni si prega di visitare il sito web www.westernunion.com. Informazioni su Travelex Global Business Payments Travelex Global Business Payments fa parte di Travelex Holdings Limited, uno dei massimi esperti al mondo in materia di pagamenti in valuta estera. Travelex Global Business Payments effettua pagamenti commerciali per conto di 35.000 clienti all’anno in 14 Paesi. La società fornisce servizi per l’effettuazione di pagamenti commerciali a una gamma diversificata di clienti aziendali, tra cui più di 500 istituti finanziari. Fondata nel 1976, Travelex Holdings Limited si è espansa fino ad affermarsi come il maggior fornitore al mondo specializzato in pagamenti in valuta estera e pagamenti commerciali internazionali. Il valore dell transazioni in valuta estera elaborate dalla società annualmente ammonta a 20 miliardi di sterline. Le operazioni incentrate sui consumatori della società forniscono contanti e carte prepagate a più di 30 milioni di clienti privati ogni anno per mezzo di una rete di quasi 1.000 punti vendita e 500 sportelli automatici sparsi in 24 Paesi. Per l’esercizio terminato il 31 dicembre 2010, Travelex Holdings Limited ha dichiarato un utile di 739,7 milioni di sterline e un EBITDA di 130,6 milioni di sterline. Dichiarazione di conformità alle disposizioni di porto sicuro per le dichiarazioni aventi carattere previsionale Il presente comunicato stampa contiene delle dichiarazioni di previsione secondo il significato attribuito a tale espressione dalla legge statunitense Private Securities Litigation Reform Act del 1995. Dette dichiarazioni non garantiscono le prestazioni future e comportano taluni rischi, incertezze e presupposti difficile da prevedere. Pertanto gli esiti e i risultati effettivi potrebbero discostarsi sostanzialmente da quelli espressi, esplicitamente o implicitamente, nelle suddette dichiarazioni di previsione. Termini quali “prevedere”, “avere l’intenzione di”, “anticipare”, “ritenere”, “stimare”, “orientare”, “orientamento”, “prospettive” e altre espressioni assimilabili, nonché verbi coniugati nei modi condizionale e futuro come “dovrebbe” e “potrebbe” sono intesi ad identificare siffatte espressioni di previsione. Si invitano calorosamente i lettori del presente comunicato stampa rilasciato da The Western Union Company (“società”, “Western Union”, “noi”, “nostro” o “a noi”) a non fare affidamento esclusivamente sulle dichiarazioni di previsione di cui sopra e prendere invece in debita considerazione tutte le incertezze e i rischi discussi nella sezione denominata Fattori di rischio e nella Relazione annuale contenuta nel modulo 10-K riferita all’esercizio conclusosi il 31 dicembre 2010. Le dichiarazioni di carattere previsionale quivi contenute sono valide solo alla data del loro rilascio e la società non si assume alcun obbligo rispetto all’aggiornamento delle informazioni contenute nelle dichiarazioni di carattere previsionale. Si riportano nel seguito alcuni degli eventi o dei fattori in considerazione dei quali le prestazioni e i risultati effettivi potrebbero discostarsi in maniera sostanziale dalle aspettative espresse nelle suddette dichiarazioni di carattere previsionale: cambiamenti a carico delle norme disciplinanti l’immigrazione e delle tendenze e altri fattori concernenti gli emigrati; la capacità da parte nostra di adeguare la tecnologia in risposta ai cambiamenti che interessano il settore e le tendenze e esigenze dei consumatori; il mancato sviluppo e lancio di nuovi prodotti, servizi e perfezionamenti e la mancata accettazione di tali prodotti da parte del mercato; l’inottemperanza da parte nostra, dei nostri agenti o subagenti ai nostri standard di conduzione aziendale e agli standard tecnologici e ai requisiti contrattuali o alle norme e regolamenti pertinenti, in particolar modo le norme intese a prevenire il riciclaggio di denaro, il finanziamento di terroristi e condotte anticoncorrenziali, e/o cambiamenti a carico dell’interpretazione della lettera o dell’applicabilità di dette leggi; l’impatto esercitato sulle nostre attività dalle leggi statunitensi Dodd-Frank Wall Stretto Reform e Consumer Protection Act e dai regolamenti promulgati ai sensi delle suddette; cambiamenti a carico di leggi, norme e regolamenti statunitensi o esteri, compreso il Codice fiscale statunitense, e le relative interpretazioni in sede giuridica e da parte degli enti governativi competenti; cambiamenti a carico delle condizioni economiche generali e delle condizioni economiche nelle regioni e nei settori in cui operiamo; condizioni politiche e azioni annesse negli Stati Uniti e all’estero che potrebbero ripercuotersi negativamente sulle nostre attività e sull’economia in generale; interruzioni dei rapporti tra il governo statunitense e Paesi in cui abbiamo o stiamo implementando contratti importanti con agenzie; cambiamenti o gestione inefficace dell’esposizione ai tassi di cambio, tra cui l’impatto esercitato dalla regolamentazione della divergenza tra domanda e offerta (spread) relativamente ai cambi di valuta per trasferimenti di denaro e pagamenti; la capacità da parte nostra di risolvere questioni di natura fiscale con l’ente statunitense Internal Revenue Service e altri enti fiscali competenti in considerazione delle nostre riserve; l’inottemperanza all’accordo di composizione amichevole stipulato con lo Stato dell’Arizona; responsabilità e sviluppi inattesi derivati da controversie giuridiche e indagini condotte dagli enti normativi competenti e altre questioni analoghe, tra cui costi, spese, accordi di conciliazione e sentenze; fusioni, acquisizioni e integrazione nella nostra società delle imprese e tecnologie acquisite, e la concretizzazione dei benefici finanziari attesi derivati da dette acquisizioni; incapacità di mantenere un importo o tipo sufficiente di patrimonio di vigilanza per soddisfare i requisiti normativi in continuo cambiamento a livello mondiale; deterioramento della fiducia riposta da consumatori e clienti nelle nostre attività o nei fornitori di servizi per trasferimenti di denaro in generale; gestione inefficace del credito o dei rischi di frode presentati dai nostri agenti, clienti e consumatori o inadempienza da parte delle nostre banche, dotatori di fondi e fornitori di servizi finanziari o assicuratori; una qualsiasi violazione sostanziale della sicurezza o interruzione dei nostri sistemi; la capacità da parte nostra di attirare e mantenere personale chiave qualificato e di gestire efficacemente la nostra forza lavoro; la capacità da parte nostra di gestire la nostra rete di agenzie e rapporti di collaborazione commerciali secondo modalità uguali o più vantaggiose per noi rispetto a quelle attualmente in essere; la mancata implementazione di contratti con agenzie entro i tempi previsti; valutazioni negative da parte delle agenzie preposte alla valutazione del merito creditizio; incapacità di competere efficacemente nel settore dei trasferimenti di denaro rispetto ai fornitori di servizi per trasferimenti di denaro a livello globale, di nicchia di mercato o di corridoio, banche e altri fornitori di servizi per trasferimenti di denaro, compresi fornitori di servizi di telecomunicazione, associazioni emittenti di carte, fornitori di servizi di pagamento a mezzo carta e fornitori di servizi elettronici o Internet; la capacità da parte nostra di proteggere i nostri marchi e i nostri altri diritti relativamente alla proprietà intellettuale; l’incapacità da parte nostra di gestire il potenziale relativamente alla protezione e agli obblighi in materia brevettuale nel contesto di un ambiente giuridico in rapida evoluzione per quanto attiene la protezione della proprietà intellettuale; la cessazione di vari servizi fornitici da rivenditori terzi; andamento negativo e volatilità dei mercati finanziari e altri eventi che influiscono sulla nostra liquidità, la liquidità dei nostri agenti o clienti, o il valore di, o la nostra capacità di recuperare i nostri investimenti o importi dovutici; decisioni di ridimensionamento, vendita o chiusura di unità o di trasferimento di attività operative da una sede a un’altra o a terze parti, in particolar modo i trasferimenti dagli Stati Uniti ad altri Paesi; cambiamenti a carico di standard settoriali che influiscono sulle nostre attività; cambiamenti a carico degli standard e regolamenti contabili e relative interpretazioni; una crescita considerevolmente rallentata o declino del settore dei trasferimenti di denaro o di altri settori in cui operiamo; ripercussioni negative derivate dalla nostra scorporazione da First Data Corporation; decisioni di cambiamento delle nostre attività; eventi catastrofici; e capacità da parte dei vertici aziendali di identificare e gestire i suddetti ed altri rischi. WU-F WU-G Il testo originale del presente annuncio, redatto nella lingua di partenza, è la versione ufficiale che fa fede. Le traduzioni sono offerte unicamente per comodità del lettore e devono rinviare al testo in lingua originale, che è l’unico giuridicamente valido.

Western UnionMediaTom Fitzgerald, [email protected]ike Salop, [email protected]