WALL STREET, DISCRETO RIALZO GRAZIE ALLE FUSIONI

27 Ottobre 2003, di Redazione Wall Street Italia

A circa meta’ seduta gli indici azionari Usa sono saldamente posizionati in territorio positivo, anche se hanno perso un poco dello smalto registrato nelle prime battute di contrattazioni.

Il Dow Jones guadagna lo 0,55% a 9635 punti, l’S&P500 lo 0,48% a 1033 punti e il Nasdaq lo 0,73% a quota 1879.

Oggi sono in evidenza soprattutto i settori finanziario, software e sanitario, al centro di operazioni di fusioni societarie. Influenza positiva sugli indici l’ha avuta l’annuncio del takeover di FleetBoston da parte di Bank of America, del valore di $ 47 miliardi: si tratta della maggior fusione del settore bancario, che da’ vita al colosso “numero due” degli Stati Uniti dopo Citigroup e prima di J.P. Morgan Chase.

Tra i pochissimi comparti a registrare un ribasso, si segnala l’oro, con il Philadelphia Gold Silver Index che cede lo 0,75%.

Il rapporto Advancers/Decliners al Nyse e Nasdaq e’ rispettivamente 2216/710 e 1970/851. Il rapporto tra nuovi massimi e minimi di 52 settimane sulle due borse e’ 139/3 e 125/7.

I titoli di Stato hanno parzialmente recuperato terreno, con il rendimento sul Treasury a 10 anni al 4,25%. Il dollaro si e’ rafforzato nei confronti dell’euro (1,1763), ma ha perso terreno contro lo yen (108,32). (da Target News, in tempo reale per gli abbonati a INSIDER).