WALL STREET VIRA IN NEGATIVO, DOW -0,47%

23 Agosto 2001, di Redazione Wall Street Italia

Wall Street presenta un andamento negativo a margine della revisione delle prospettive relative all’economia statunitense espresse dalla Fed di Philadelphia.

Verificare chiusure ufficiali in prima pagina

Secondo lo studio l’economia a stelle e strisce crescera’ il prossimo anno del 2,6% riducendo cosi’ le stime fatte nel maggio scorso che avevano preconizzato un PIL a fine anno pari al 2,8%.

Le stime sono maggiormente pessimiste delle proiezioni fatte dall’amministrazione Bush che danno un aumento del PIL nel 2002 del 3,2%.
VEDI:


ECONOMIA USA: FED PHILADELPHIA TAGLIA STIME

“Il Nasdaq ha recuperato dopo settimane di ribassi, ma il quadro di base resta lo stesso”, ha dichiarato Erik Gustafson, gestore di portafoglio di Stein, Roe & Farnham, aggiungendo che “il malessere generale non e’ ancora passato”.

“Gli investitori non sono molto entusiasti e non intendono fare investimenti fino a che non riceveranno indicazioni che le cose stanno andando meglio”. ha commentato Holly Stark, trading director per Kern Capital Management.

La banca d’affari Salomon Smith Barney ha ridotto le stime sugli utili per azione delle societa’ contenute nell’indice S&P 500 per il 2001 e il 2002.

Gli analisti di Salomon prevedono ora che le societa’ dell’S&P 500 registreranno in media utili di $48 per azione nel 2001 e $52 per azione nel 2002.

Si tratterebbe di un calo del 14,3% nel 2001 e di un incremento dell’8,3% nel 2002.

UTILI: SALOMON TAGLIA STIME PER SOCIETA’ S&P 500

Sul fronte economico infine, il numero dei nuovi sussidi di disoccupazione e’ salito la scorsa settimana di 8.000 unita’ a 393.000. La media delle ultime quattro settimane, piu’ seguita perche’ elimina le fluttuazioni settimanali e’ aumentata di 6.750 unita’ a 378.750.

Il dipartimento al lavoro americano ha annunciato anche che il numero dei disoccupati da piu’ di una settimana e’ salito di 131.000 unita’ a 3,18 milioni, il livello piu’ alto dal settembre 1992.

Anche il tasso di disoccupazione e’ cresciuto dal 2,4% al 2,5%.

USA: SUSSIDI DI DISOCCUPAZIONE IN AUMENTO

(ARTICOLO IN FASE DI SCRITTURA)