WALL STREET: TORNANO I BUY, RIALZO INIZIALE

14 Gennaio 2008, di Redazione Wall Street Italia

Avvio di settimana in forte rialzo per gli indici americani. Nei primi minuti il Dow Jones avanza dell’1.00% a 12732, l’S&P500 dello 0.82% a 1412, il Nasdaq segna +1.18% a 2468. Ad offrire una solida spinta ai listini e’ l’aggiornameto infratrimestrale del colosso informatico IBM (IBM) che ha rivisto al rialzo le stime sui profitti, ad un livello di 20 centesimi superiore al consensus. Il titolo e’ schizzato di oltre il 10% nel preborsa, riportando l’ottimismo tra gli investitori, ultimamente preoccupati su una stagione degli utili negativa.

Note incoraggianti emergono anche dal settore finanziario, con le voci di una possibile nuova iniezione di capitali nei colossi Citigroup (C) e Merrill Lynch che, tra l’altro, diffonderanno i risultati trimestrali in settimana. Le due banche dovrebbero riportare svalutazioni record a causa della forte esposizione sul business dei mutui subprime, ma le speculazioni di nuovi investimenti stanno per il momento controbilanciando tale possibilita’.

Mercato super-volatile. E con news gratis, certamente non guadagni. Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link INSIDER

Gli stategist di Credit Suisse hanno raccomandato di investire sull’azionario americano sulle prospettive di ulteriori tagli ai tassi d’interesse che potrebbe scendere al 3% nella prima meta’ dell’anno. La banca d’affari HSBC ha migliorato il rating sul comparto equity ad “Overweight”, evidenziando come molti fattori negativi sono gia’ scontati nell’attuale valutazione dei listini.

Nel comparto retail avanzano le due societa’ di prodotti per la casa, Home Depot (HD) e Lowe’s (LOW) grazie all’upgrade ricevuto prima dell’apertura; in caduta libera invece Sears Holdings (SHLD) vittima di un profit warning.

Sugli altri mercati, in progresso il petrolio. I futures con consegna febbraio segnano al momento un rialzo di $1.13 a $93.82 al barile. Sul valutario, l’euro guadagna terreno nei confronti del dollaro a quota 1.4890. L’oro avanza di $14.60 ad un nuovo record di $912.30 all’oncia. In flessione i Titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ salito al 3.8150%.

parla di questo articolo nel Forum di WSI