WALL STREET: TORNA IL SEGNO PIU’ SUGLI INDICI

23 Gennaio 2002, di Redazione Wall Street Italia

Gli indici Usa riescono a contenere le perdite accusate nell’ultima ora di contrattazioni, ritornando in territorio positivo. La volatilita’ del mercato e’ alta.

Il nervosismo degli operatori puo’ essere spiegato con i principi dell’analisi tecnica. Gli indici si trovano infatti in un’area critica: 1.880 per il Nasdaq e 9.700 il Dow Jones. Il prossimo supporto per il Nasdaq e’ comunque lontano a quota 1.782.

Il clima di incertezza e’ acuito dalla decisione di Abby Cohen , analista della banca d’affari Goldman Sachs, di tagliare le stime relative all’utile per azione dei titoli dell’S&P500.

Gli investitori attendono la prima riunione del Congresso Usa che si terra’ in giornata e che vedra’ in primo piano la discussione relativa al pacchetto di stimolo fiscale.

Verificare aggiornamento indici IN TEMPO REALE in prima pagina

Il Nasdaq ritrova l’ottimismo grazie alla nota positiva emessa dalla banca d’affari JP Morgan, che ha alzato il rating sui titoli delle infrastrutture per chip di Applied Materials (AMAT – Nasdaq), Kla-Tencor (KLAC – Nasdaq), Novellus Systems (NVLS -Nasdaq), Teradyne (TER – Nyse) e Varian Semiconductor (VSEA – Nasdaq). Al momento l’indice di settore Philadelphia Semiconductor Index (SOX ) guadagna piu’ del 2%.

A contribuire ai rialzi sono le previsioni confortanti sugli ordini formulate dalla societa’ dei chip Novellus (NVLS – Nasdaq).

Sul listino high tech si distingue tuttavia la perdita del colosso di software Microsoft (MSFT – Nasdaq), dopo la decisione da parte di Aol Time Warner (AOL – Nyse) di intentare causa alla societa’ di Bill Gates.

Bene il settore software dopo i risultati societari migliori delle aspettative registrati dalla societa’ di software Computer Associates (CA – Nyse).

Il Dow, che assiste ai cali dei finanziari e dei conglomerati General Electric (GE – Nyse) e Tyco (TYC – Nyse), e’ sostenuto dalla buona performance dei petroliferi, aiutati dagli utili di Exxon Mobil (XOM – Nyse). Crescono Bp Amoco (BP – Nyse) e Royal Dutch Petroleum (RD – Nyse).

Prima delll’inizio della seduta sono stati diffusi i rusultati al di sopra delle stime della societa’ farmaceutica Pfizer (PFE – Nyse) e della societa’ chimica DuPont (DD – Nyse).

Sul fronte societario si distingue il calo della societa’ di telefonia mobile Motorola (MOT – Nyse) che, dopo aver guidato i rialzi in sede di preborsa, perde terreno.

Cede il titolo della banca d’affari Merrill Lynch (MER – Nyse) dopo la perdita di $1,3 miliardi subita dalla societa’ nel trimestre precedente.

Per avere piu’ dettagli sui TITOLI CALDI che stanno movimentando la sessione odierna clicca sulla sezione INSIDER, che trovi sul menu in cima alla pagina. Abbonati subito!