WALL STREET TONICA, E’ IL MOMENTO DELLA FED

25 Giugno 2008, di Redazione Wall Street Italia

I listini americani continuano a trattare in rialzo a meta’ giornata (controlla la performance in tempo reale), guidati dalla forza del comparto tecnologico. Ormai manca poco alla decisione della Federal Reserve sui tassi d’interesse. E’ ampiamente scontata la conferma dell’attuale livello ma sara’ fondamentale analizzare il documento ufficiale che accompagnera’ la decisione per un quadro dettagliato dell’attuale situazione economica e del futuro atteggiamento della Banca Centrale in materia di politica monetaria.

Gli ultimi dati sulla congiuntura Usa non si sono rivelati incoraggianti. La fiducia dei consumatori e’ crollata ai minimi di 16 anni, sembra non esserci, per il momento, alcuna possibilita’ di rimbalzo per il mercato delle case. Ieri l’indice Case/Shiller ha evidenziato un crollo dei prezzi degli immobili del 15% rispetto allo scorso anno, il dato sulle vendite di case nuove diffuso in mattinata ha mostrato una contrazione del 2.5%. Nessuna sorpresa dall’aggiornamento sugli ordini di beni durevoli che ha rispettato le attese, risultando invariato per il mese di maggio.

Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link INSIDER

Un buon supporto ai listini giunge comunque dal fronte energetico, dove il petrolio si muove in netto rinasso in seguito alla comunicazione dei dati sulle scorte che nell’ultima settimana sono risultate in rialzo, a differenza di quanto si aspettavano gli analisti. Al momento i futures con scadenza agosto segnano un calo di $4.06 a $132.94 al barile.

Sul fronte societario, tra le aziende di rilievo che hanno diffuso i risultati trimestrali in mattinata, il produttore di cereali General Mills (GIS) ha riportato utili in linea con le stime ma ha emesso un profit warning per i prossimi mesi. Il colosso chimico Monsanto (MON) ha riportato un utile per azione di 11 centesimi superiore al consensus e migliorato l’outlook sull’intero anno fiscale 2008. Delusione pero’ sui ricavi, attestatisi a livelli peggiori delle attese: l’azione cede il 5.75% e sta trascinado al ribasso l’intero comparto chimico/agricolo.

Bene invece Jabil Circuit (JBL) e la catena di ristoranti Darden Restaurants (DRI): entrambe le societa’ hanno riportato numeri fiscali migliori delle attese. Subito dopo la chiusura delle borse sara’ il gigante software Oracle (ORCL) a diffondere la trimestrale.

A livello settoriale le migliori performance sono segnate dai comparti: Tires & Rubber +5.8%, Thrifts & Mortgages +5.6%, Photo Products +5.1%, Hotels +5.1%, e Wireless Services +4.9%. Tra i piu’ forti ribassi: Fertilizer & Agricultural Chemicals -6.7%, Coal & Consumable Fuel -5.5%, Education Services -5.2%, Oil & Gas Exploration -4.0%, e Oil & Gas Equipment -3.2%.

Alle 12.20 EDT il volume di scambio e’ di 480 milioni di pezzi al NYSE e 825 milioni al Nasdaq. I titoli in rialzo contro quelli in ribasso sono 2204 a 827 al Nyse e 1851 a 854 al Nasdaq. I nuovi massimi contro i nuovi minimi delle ultime 52 settimane sono: 3 a 30 al NYSE e 5 a 62 al Nasdaq.

parla di questo articolo nel Forum di WSI