WALL STREET: SVANISCE IL BUONUMORE INIZIALE

15 Maggio 2008, di Redazione Wall Street Italia

Avvio in leggero calo per gli indici americani (controlla la performance in tempo reale). Ad oscurare il buonumore del preborsa e’ stato l’ultimo aggiornamento sulla
produzione industriale che ha segnalato un calo dello 0.7% nel mese di aprile, deludendo le attese degli analisti che erano per una contrazione piu’ contenuta (-0.3%).

Poco incoraggianti anche gli altri dati macro comunicati fino ad ora: sostanzialmente in linea con le attese i dati sulle richieste di sussidio, mentre ha deluso il rapporto sull’Empire State Index che ha evidenziato una contrazione dell’attivita’ manifatturiera. Il presidente della Federal Reserve, Ben Bernanke, e’ in questo momento impegnato in una conferenza sul mercato del credito.

Sul fronte societario, l’azienda retail JC Penney (JCP) ha riportato profitti migliori delle attese nell’ultimo trimestre ed offerto un outlook superiore al consensus per i prossimi mesi. Nei giorni scorsi il colosso Wal-Mart (WMT) aveva riportato un rialzo del 7% degli utili, ma emesso una ‘guidance’ che ha deluso gran parte degli operatori. A tal proposito sara’ fondamentale valutare un eventuale cambiamento del trend nella spesa dei consumatori che, alle prese con l’aumento dei prezzi energetici, potrebbero iniziare a riversarsi sulle catene discount.

Tra le altre societa’ che diffonderanno i risultati fiscali in giornata si distingue anche il gigante informatico Hewlett-Packard (HPW) che proprio in avvio di settimana ha confermato l’acquisto di EDS per un valore di $13.9 miliardi. Le attese degli analisti sono per un utile per azione di 85 centesimi. L’annuncio avverra’ subito dopo la chiusura delle borse.

Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link INSIDER

Nel comparto hi-tech, riflettori ancora puntati su Yahoo! (YHOO): l’investitore miliardario Carl Icahn sempre essere sempre piu’ determinato verso un cambiamento dei vertici del gruppo. Ichan ha inviato una lettera al Board sollecitando per una ripresa delle trattative di merger con Microsoft. Il titolo sale dell’1.10%. In progresso anche la conglomerata industriale General Eelectric (GE): il Wall Street Journal riporta che l’azienda potrebbe presto organizzare un’asta per la vendita del business delle apparecchiature elettriche che potrebbe fruttare ricavi compresi tra $5-$8 miliardi.

Sugli altri mercati, nel comparto energetico il petrolio e’ tornato a guadagnare terreno. I futures con consegna giugno segnano un progresso di $1.56 a $125.78 al barile. Sul valutario, l’euro sta avanzando nei confronti del dollaro a quota 1.5496. In forte progresso l’oro a $882.20 (+$16.30) l’oncia. In lieve progresso i Titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ sceso al 3.9130%.

parla di questo articolo nel Forum di WSI