WALL STREET: SUI MERCATI USA TORNANO LE VENDITE

28 Luglio 2004, di Redazione Wall Street Italia

Avvio di seduta negativo per i mercati americani, tornati sulla via dei ribassi dopo il buon rally messo a segno martedi’. Il Dow Jones perde lo 0.15% a 10070, l’S&P500 lo 0.27% a 1091 e il Nasdaq lo 0.71% a 1855.

A pesare sui listini azionari sono ancora gli stessi fattori che hanno tenuto gli indici sotto pressione nelle ultime settimane. Tra questi le preoccupazioni su un rallentamento della crescita degli utili e dell’economia nel secondo semestre, il rincaro del petrolio, le incertezze sui tassi d’interesse, le questioni geopolitiche e le paure di nuovi attacchi terroristici.

A condizionare il debole avvio delle contrattazioni sono stati in particolare i dati deludenti sull’andamento dell’economia reale. Nel mese di giugno gli ordini di beni durevoli negli Stati Uniti sono saliti dello 0.7%. La crescita e’ risultata nettamente inferiore a quella pronosticata dagli economisti, che si aspettavano in media un aumento dell’1.5%.

Ancora sul fronte economico, cresce l’attesa per la pubblicazione del Beige Book, il rapporto bimestrale della Federal Reserve sull’economia americana.

Per quanto riguarda gli utili, ancora non brillanti le notizie dal settore hi-tech, con la trimestrale inferiore alle previsioni pubblicata da PeoleSoft. In calo del 27%, inoltre, i profitti trimestrali realizzati da Time Warner.(TWX). Superiori alle attese sono risultati gli utili di Boeing (BA). Questa sera dopo la chiusura pubblicheranno le trimestrali Electronic Data Systems (EDS), JDS Uniphase (JDSU) e MetLife (MET). Vedi decine di azioni segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 12 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link INSIDER

Sugli altri mercati, sono in ribasso i titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ al 4.63% contro il 4.60% della chiusura di martedi’. Il dollaro e’ in netto progresso sull’euro, con il cambio tra le due valute a 1.2018; l’oro guadagna $0.7 a $390.30 all’oncia e il petrolio e’ in progresso di 43 centesimi a $42.27 al barile.