WALL STREET SI SPINGE GIU’, INCERTEZZA TRA OPERATORI

27 Marzo 2007, di Redazione Wall Street Italia

Gli indici americani hanno iniziato la sessione di borsa in rosso. Il profit warning di Lennar sta avendo l’effetto di mettere maggiori pressioni al comparto delle case, ancora in difficolta’ per via degli ultimi dati macro e per le conseguenze prodotte dalla crisi dei mutui immobiliari. Il Dow Jones arretra dello 0.34% a 12.426, l’S&P500 dello 0.44% a 1431, il Nasdaq arretra dello 0.39% a 2446.

Le vendite iniziali sono dovute essenzialmente ai pessimi risultati trimestrali comunicati da Lennar ([[LEN]]), che rendono ancora piu’ critica la situazione nel comparto immobiliare. Gli operatori attendono poi con qualche cautela il dato sulla fiducia dei consumatori.

La societa’ di costruzioni edili (n.3 in America) ha riportato un crollo dei profitti di -70% nell’ultimo trimestre e annunciato che non sara’ in grado di rispettare le stime sui risultati previsti per il 2007. Nella giornata di ieri il dato sulle vendite di case nuove (ai minimi di sette anni) aveva gia’ innescato gli ordini di vendita sui titoli del comparto.

Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link INSIDER

Sul fronte macro, l’unico dato in calendario oggi riguarda la fiducia dei consumatori del mese di marzo, per cui e’ attesa una flessione a 109 punti dai 112.5 del mese precedente (massimo di cinque anni e mezzo). L’indicatore potra’ offrire nuovi segnali sullo stato di salute “economica” delle famiglie americane, soprattutto dopo la crisi legata ai mutui ipotecari che potrebbe aver influito sulla psicologia generale e le aspettative riguardo all’economia.

Neanche il raffreddamento dei prezzi energetici, ieri schizzati ai recenti massimi a causa delle rinnovate ambizioni nucleari dell’ Iran e della cattura di 15 marinani britannici nelle acque del Golfo, sembrano contrastare gli ordinativi di vendita iniziali sull’azionario. Nelle prime battute, i futures con consegna maggio trattano in ribasso di 21 centesimi a $62.70 al barile.

Tra le altre notizie societarie, Bristol-Myers Squibb ([[BMY]]) e’ in rialzo in avvio grazie al rinvigorito interessamento di Sanofi-Aventis ([[SNY]]) (diluitosi nei giorni scorsi) per l’acquisizione della societa’.

Nel comparto dell’auto, in progresso DaimlerChrysler ([[DCX]]): la societa’ e’ stata costretta a posticipare la comunicazione dei risultati trimestrali ma le voci di una possibile offerta per il rilevamento della division Chrysler hanno oscurato la notizia spingendo il titolo al rialzo.

Sugli altri mercati, sul valutario l’euro e’ stabile rispetto al dollaro a quota 1.3337. L’oro e’ in rialzo: i contratti sul metallo prezioso avanzano di $1.90 a $665.80 l’oncia. In lieve ribasso i titoli di Stato Usa: il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ salito al 4.6120%.