WALL STREET SI SPINGE AL RIALZO A META’ GIORNATA

10 Settembre 2008, di Redazione Wall Street Italia

Dopo il brusco sell-off registrato ieri, Wall Street recupera terreno ed a meta’ giornata si muove in territorio positivo (controlla la performance in tempo reale). A permettere il rimbalzo e’ il recupero delle azioni energetiche e l’avanzamento dei titoli tecnologici in seguito alla rassicurazioni offerte da Texas Instruments.

L’attenzione continua comunque a rimanere incentrata sul comparto finanziario. Dopo aver ceduto il 45% nella seduta di ieri, la banca d’affari Lehman Brothers ha annunciato un nuovo piano di riorganizzazione aziendale che prevede la vendita di alcuni asset, il taglio del dividendo annuale da 68 a 5 centesimi, l’uscita da determinati business.

La banca ha annunciato una perdita di $3.9 miliardi ($5.92 per azione), ben al di sopra delle attese degli analisti che erano per una perdita pari a $3.35 per share. Dall’inizio del trimestre la banca ha operato anche una riduzione della forza lavoro per 1500 posti. Al momento il titolo e’ poco variato (+2.57%) ma e’ risultato particolarmente volatile nelle ore precedenti, in oscillazione addirittura in un range superiore al 20%.

Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link INSIDER

Note positive sono emerse dall’aggiornamento del corriere internazionale FedEx (FDX), considerato un po’ la cartina di tornasole dell’intera economia, dopo aver migliorato l’outlook sui profitti per azione a $1.23 dal precedente range di $0.80-$1.00. Nel comparto tecnologico, supporto da Texas Instruments (TXN) che nell’after hour di ieri ha ristretto la forchetta delle stime sugli utili: le attese sull’EPS del terzo trimestre passano a $0.42-0.46 da $0.41-0.47. Con il preannuncio sulla trimestrale, l’azienda ha definitivamente messo a tacere le voci secondo cui avrebbe tagliato l’outlook su vendite e profitti.

Nel comparto energetico ha ripreso a trattare in calo il petrolio. I futures con consegna ottobre arretrano di $1.05 a $102.21 al barile.

A livello settoriale le migliori performance sono segnate dai comparti: Coal & Consumable Fuel +5.9%, Steel +4.5%, Diversified Metals & Mining +4.0%, Gas utilities +3.4%, e Construction & Engineering +2.8%. Tra i piu’ forti ribassi: Thrifts & Mortgages -7.5%, Tires & Rubber -5.4%, Multi-Sectional Holdings -4.4%, Regional Banks -4.3%, e Investment Banking & Brokerage -3.8%.

Alle 12.20 EDT il volume di scambio e’ di 540 milioni di pezzi al NYSE e 939 milioni al Nasdaq. I titoli in rialzo contro quelli in ribasso sono 1480 a 1477 al Nyse e 1416 a 1261 al Nasdaq. I nuovi massimi contro i nuovi minimi delle ultime 52 settimane sono: 1 a 154 al NYSE e 3 a 108 al Nasdaq.

parla di questo articolo nel Forum di WSI