WALL STREET: SI RIAFFACCIANO LE VENDITE SUI MERCATI

20 Novembre 2006, di Redazione Wall Street Italia

Indici in rosso in avvio di settimana a Wall Street, con gli operatori che preferiscono intascare parte dei guadagni dopo i recenti rialzi. Il Dow Jones perde lo 0.13% a 12326, l’S&P500 lo 0.17% a 1398, il Nasdaq e’ in calo dello 0.18% a 244.

Si riaffacciano le vendite dunque sui mercati, un po’ sotto forma di prese di beneficio e un po’ sulla scia della debole performance oltreoceano, con gli indici giapponesi (Nikkei 225 -2.3%) in netto calo a causa di una maggiore debolezza riscontrata nel comparto bancario.

Il Dow Jones potrebbe quindi terminare la serie positiva durata sei sedute, che non si vedeva da oltre un anno e che lo ha portato a nuovi record. Storicamente, la settimana del Thanksgiving ha visto gli indici salire il piu’ delle volte; non sarebbe da escludere dunque un recupero nell’arco delle contrattazioni o nei prossimi giorni.

Ad offrire un relativo supporto e’ ancora il calo del greggio. In mattinata i futures con scadenza gennaio sono in ribasso di 51 centesimi a $58.46. Alle 16:00 ora italiana verra’ comunicato il Superindice di ottobre.

Ma ad attrarre maggiormente l’attenzione sono le numerose operazioni di mergers & acquisitions, un classico del lunedi’ mattina. In primo piano il comparto minerario, con l’offerta di $25.9 miliardi da parte di Freeport-McMoRan Copper & Gold ([[FCX]]) sul colosso Phelps Dodge ([[PD]]). A seguire l’offerta di $19 miliardi della societa’ privata BlackStone Group per l’acquisto della societa’ di management di costruzioni Equity Office Properties Trust ([[EOP]]).

In evidenza anche l’offerta del Nasdaq Stock Market ([[NDAQ]]) sul London Stock Exchange ($5.1 miliardi), gia’ rifiutata, pero’, da parte dei dirigenti di quest’ultimo. Un eventuale unione dei gruppi, nel caso di un futuro accordo, darebbe origine al maggiore mercato di scambi mondiale, con oltre 6400 compagnie quotate.

Vedi decine di small e medium cap in forte crescita segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 8 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link INSIDER

Sul valutario, sostanzialmente invariato l’euro nei confronti del dollaro a 1.2836. L’oro avanza di $1.70 a $624.20 l’oncia. In rialzo i titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ sceso al 4.6010%.