WALL STREET SI IMPENNA NASDAQ SALE +3,55%

24 Settembre 2001, di Redazione Wall Street Italia

Apertura forte, buy su tutti i fronti. Dopo i crolli della scorsa settimana, troppo “oversold”. Goldman e Bankamerica consigliano azioni.

Verificare aggiornamento indici in tempo reale in prima pagina

Alle prime battute gli indici sono saliti tanto da far scattare il blocco automatico sul Dow Jones per evitare gli eccessi di rialzo. Pochi minuti dopo l’apertura, il Nasdaq guadagna il 3,55%, mentre il listino dei tioli industriali avanza del 2,7%.

Il timore che gli attacchi terroristici agli Stati Uniti abbiano spedito la maggior economia mondiale in recessione potrebbe pero’ lasciare gli investitori alla finestra nel corso della seduta, intenti a valutare la profondita’ e la durata di questo rallentamento.

Secondo Jeff Rubin, chief economist presso CIBC World Markets, l’economia USA registrera’ una contrazione dell’1,1% nel terzo trimestre dell’anno e dello 0,2% nel quarto. Anche gli economisti di Goldman Sachs prevedono un indebolimento economico negli ultimi due trimestri del 2001.

Molta attenzione durante la settimana sara’ dedicata al dato sulla fiducia dei consumatori, in pubblicazione martedi’, e a quelli relativi agli ordini dei beni durevoli e alla vendita di case nuove in agosto, che verranno pubblicati giovedi’. Inoltre, per venerdi’ e’ atteso il dato sul Pil del secondo trimestre.

Tra i titoli attivi in preborsa American Express (AXP – Nyse), sceso la settimana scorsa ai suoi livelli minimi dal 1998, Compaq Computer (CPQ – Nyse) e Boeing (BA – Nyse), in forte rialzo – in preborsa – dopo aver perso la settimana scorsa rispettivamente il 23% e il 31%.

“Gli investitori hanno venduto troppo e troppo velocemente”, ha dichiarato Kevin Cleere, di Hibernian Investment Managers, aggiungendo che quindi “ci sono molte opportunita’ di acquisto ora”.

“I titoli che la settimana scorsa sono rimasti al tappeto, come quelli collegati ai settori turismo e assicurazioni, potrebbero registrare un rally nella seduta odierna”, ha commentato Doug Cliggott, chief market strategist presso J.P. Morgan Securities. L’esperto ha tuttavia sottolineato che il pesante declino della scorsa settimana potrebbe non aver raggiunto il fondo perche’ l’attacco terroristico ha creato un “grande rischio per gli utili aziendali”.