WALL STREET SI FERMA DAVANTI A UN MURO

2 Dicembre 2009, di Redazione Wall Street Italia

La Borsa di New York arriva al traguardo di meta’ seduta in prossimita della linea di parita’, con i listini che hanno perso forza dopo che il paniere S&P 500 ha superato una soglia tecnica chiave.

Il mercato aveva aperto in buon rialzo dopo che i dati giunti dal fronte del mercato del lavoro avevano mostrato un miglioramento per l’ottavo mese consecutivo, anche se inferiore alle previsioni. Le cifre relative al rapporto mensile dell’ADP sul lavoro nel settore privato sono state rese note a due giorni dal report mensile chiave del governo sulla situazione occupazionale, da cui ci si aspetta un tasso di disoccupazione invariato al 10.2%.

L’indice allargato ha oltrepassato la soglia chiave dei 1.111 punti, ma non e’ riuscito a confermare i rialzi, ritracciando. Tale movimento suggerisce che il mercato potrebbe aver raggiunto un muro invalicabile per il momento.

Sul Dow, anch’esso in graduale calo, a guidare i rialzi sono Alcoa e Kraft. Il settore piu’ debole e’ ancora una volta quello finanziario: Bank of America, JP Morgan e American Express sono infatti schiacciate in fondo al paniere delle blue chip. Ancora positivo invece l’indice composito Nasdaq.

Ben intonate invece le compagnie aeree e le banche regionali, favorite in entrambi casi dai pareri positivi espressi dagli analisti. Credit Suisse ha consigliato di comprare in particolare due nomi all’interno del comparto delle banche regionali.

Non correre il rischio di perdere il rialzo di Wall Street. Guadagna con INSIDER. Se non sei abbonato, fallo subito: costa meno di un caffe’, solo 0.77 euro al giorno, provalo ora!

Ieri il Dow ha guadagnato l’1.2% dopo che il dollaro si e’ ulteriormente indebolito e i timori per il default di Dubai World sono rientrati. Le ultime notizie in arrivo dall’emirato indicano che la societa’ ha fissato un incontro con i creditori per la prossima settimana.

Sempre sul fronte delle notizie aziendali, Merck ha attirato l’attenzione su di se’ dopo che Roche ha dichiarato che un farmaco in fase di studio avanzato per combattere il diabete funziona meglio dello Januvia di produzione della societa’ americana.

Nel frattempo McDonald’s ha riferito che il suo chief operating officer, Ralph Alvarez, presentera’ le dimissioni per motivi di salute. Tra i canditati al posto di Amministratore Delegato di Bank of America, stando a quanto riportato sul all Street Journal, due avrebbero reso noto che prenderebbero in considerazione uno spezzatino dell’istituto, anche se il Consiglio di Amministrazione ha respinto un’idea di questo tipo.