WALL STREET SI AVVITA A SPIRALE, DOW -400 PUNTI

19 Settembre 2001, di Redazione Wall Street Italia

Inesorabile il declino del Dow Jones che, dopo aver sfondato al ribasso quota 8.600, si dirige ora verso la soglia degli 8.500 punti. In caduta libera anche il Nasdaq che cede oltre il 6%.

Verificare aggiornamento indici in tempo reale in prima pagina.

Continua la forte debolezza dei mercati USA. Molti analisti sottolineano come a pesare sui mercati sia l’incertezza della situzione con Pakistan e Afganistan e le paure su un possibile effetto di una controffensiva americana.

Per ora le borse non sembrano reagire agli sforzi dell’amministrazione Bush di creare una coalizione globale contro il terrorismo, ma puntano gli occhi sulla debolezza dell’economia USA e sull’eventuale direzione che questa assumera’ nel lungo periodo. E molti parlano gia’ di recessione globale dopo gli avvenimenti dell’11 settembre scorso.

Alcuni trader sul floor ammettono che ogni qualvolta un contingente americano e’ impegnato in operazioni di ‘guerra’, la borsa e l’economia reagiscono in maniera negativa.

Il problema e’ che il piano contro il terrorismo che Bush sta cercando di mettere a punto con gli alleati non e’ ancora chiaro, come non e’ chiaro nemmeno il ruolo dei governi di Pakistan e Afganistan.

Sui mercati la tensione si sente e i titoli in calo sono tre volte quelli in rialzo.

Tra i settori piu’ colpiti vi sono oggi il biotech, i semiconduttori e i software.