Wall Street, si avvia ad una chiusura con il segno meno

12 Febbraio 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Continua sotto la linea di parità la seduta della borsa di Wall Street, che già in avvio aveva mostrato indici a stelle e depressi dalle ultime notizie in arrivo dalla Cina. La Banca Centrale cinese, infatti, ha annunciato, stamane che aumenterà il coefficiente di riserva obbligatoria delle banche di 50 punti base incrementando, così i timori di un pericolo incombente su una nuova stretta monetaria. Non è riuscito a rissolevare l’humor degli investitori nemmeno il il dato migliore delle attese sulle vendite al dettaglio statunitensi, che nel mese di gennaio, ha evidenziato una salita dello 0,5% battendo il consensus dello 0,3%. Per quanto riguarda gli altri dati della giornata; scendono dello 0,2% a dicembre le scorte di magazzino in USA, dato sotto le stime degli analisti che si attendevano un aumento pari allo 0,4%. Nello stesso periodo le vendite hanno registrato un rialzo dello 0,9% a 1.040,4 .Cattive motizie invece per la fiducia dell’ Università del Michigan che a febbraio scivola sotto le attese attestandosi a 73,7 punti dai 74,4 punti del mese precedente e deludendo coloro che lo avevano stimato in salita a 75,5 punti. Il Dow Jones mostra un ribasso dell’1,04% a 10038,68 punti, l’S&P500 scivola dello 0,96% a 1068,07 punti ed il Nasdaq una cede lo 0,43% a quota 2169,85 punti.