WALL STREET SI ASSESTA CON UN PASSO INDIETRO

4 Gennaio 2001, di Redazione Wall Street Italia

La volatilita’ che ha caratterizzato la seduta ha lasciato spazio ai ribassi e tutti i principali indicatori delle borse americane chiudono in negativo. Una cessione contenuta, soprattutto in considerazione del rally mozzafiato di ieri.

Il Nasdaq ha chiuso a 2.566,94 (-1,90%), il Dow Jones ha chiuso a 10.912,41 (-0,30%), l’ S&P 500 a 1.333,35 (-1,05%) e il Russell 2000 a 477,20 (-1,48%).

“Abbiamo assistito a un guadagno cosi’ straordinario ieri – ha detto Noah Blackstein, vicepresidente di Dynamic Power American Fund – che e’ normale mettere in conto un calo sui listini”.

I realizzi di profitto hanno avuto buon gioco nel comparto tecnologico, miracolato da un rialzo del 14% dopo la decisione della Federal Reserve di ridurre dello 0,5% i tassi d’interesse, e oggi in Nasdaq restituisce circa l’1,8%.

Gli ordini di vendita segnano inoltre la fine dell’atteggiamento difensivo dei mercati. L’allentata stretta sul costo del denaro, da’ briglia alla crescita economica e gli investitori escono dalla trincea dei titoli a crescita modesta ma costante, quelli ultrasicuri, come i farmaceutici.

Ora che la Federal Reserve ha restituito serenita’ ai mercati, anche l’appetito per il rischio e’ tornato.

“Chi vuole farmaceutici quando Cisco e America Online spiccano il volo? – dice Michael Krensavage, un analista di Raymond James – E’ tipico per i farmaceutiuci perdere terreno in concomitanza di una riduzione dei tassi, la liquidita’ si sposta dove si prevede una possibilita’ di crescita maggiore”.

Maglia nera per il settore delle biotecnologie, che registra perdite consistenti; gli investitori non si aspettano una miglior performance per questo articolare comparto in caso di ripresa dell’economia e il fascino del genoma sembra aver perso smalto.

Nonostante la chiusura in negativo, i titoli che hanno guadagnto superano quelli in ribasso e un nuovo record e’ stato conquistato al New York Stock Exchange: con 2.102.280.000 transazioni e’ stato raggiunto il massimo volume di scambi mai realizzato a Wall Street in un solo giorno.

Sui listini in generale hanno mostrato una tendenza al rialzo il settore delle componenti auto, trasporti, auto, ferroviario, commercio, fotografico, editoriale, finanziario.

Segno meno per biotech, gas naturale, utility, tabacco, farmaceutico, perforazione petrolifera.

Questi i titoli che oggi hanno segnato il maggior rialzo sulle borse americane:

American Tech (ATCO) +60,00%;

Adelphia (ABIZ) +59,72%;

Electric Lightwave (ELIX) +58,54%;

Cellular Tech Services (CTSC) +55,79%;

musicmaker.com (HITS) +50,00%.

E quelli che si sono fatti notare per le perdite:

Resonate (RSNT) -66,11%;

RMH Teleservices (RMHT) -51,79%;

Vitria Tech (VITR) -50,00%;

Daleen Tech (DALN) -41,79%;

Odetics (ODETB) -36,36%.

Tra i principali titoli in movimento quest’oggi a Wall Street:

Nel settore finanziario, Lehman Brothers Holdings Inc. (LEH), la terza banca d’affari americana, ha annunciato che gli utili relativi al quarto trimestre sono saliti del 33% sull’anno grazie agli incassi record nel settore della consulenza su operazioni di fusione. Il titolo ha guadagnato quasi l’ 1,5%.
(Vedi Utili: Lehman Brothers batte le aspettative)

Nel settore dei computer palmari, Palm (PALM) ha lanciato sul mercato, al prezzo di $300, il Palm Pilot Robot Kit, un piccolo robot dalla forma simile a quelli utilizzati dagli artificieri per disinnescare gli ordigni esplosivi, che puo’ essere comandato a distanza attraverso il Palm Pilot. Il titolo Palm ha guadagnato lo 0,5%.
(Vedi High tech: arriva il robot per il Palm Pilot)

Nel settore dei media, la Federal Communication Commission, l’autorita’ di controllo sulle comunicazioni degli Stati Uniti, ha messo sotto inchiesta News Corp. (NWSA) riguardo al proposto acquisto di dieci stazioni televisive americane da Chris-Craft Industries (CCN) ipotizzando una possibile violazione delle leggi sulla proprieta’ straniera di emittenti nazionali. Il titolo Chris-Craft ha guadagnato quasi l’ 1%, mentre il titolo News Corp. ha chiuso praticamente invariato.
(Vedi Media: Murdoch sotto il mirino della FCC)

Nel settore informatico, Inktomi Corp. (INKT) ha chiuso il primo trimestre del suo anno fiscale con utili e vendite ben al di sotto delle aspettative dei principali analisti di Wall Street a causa delle molte cancellazioni di ordini di acquisto per il nuovo software di accesso a Internet. Il titolo ha perso quasi il 23,5%.
(Vedi Utili: delude i mercati software Inktomi)

Nel settore finanziario, Bear Stearn (BSC) ha annunciato che gli utili relativi al quarto trimestre del 2000 sono scesi del 6% sull’anno, attestandosi a $195,2 milioni contro i $207,5 milioni dello stesso periodo del 1999, con un utile netto per azione passato da $1,36 a $1,32. Il titolo ha guadagnato quasi il 5,5%.
(Vedi Utili: Bear Stearns batte le aspettative)

Nel settore Internet, problemi di sicurezza e il guasto ai sistemi computerizzati sono alla fonte del malfunzionamento del sito Web di eBay (EBAY) che ieri e’ rimasto bloccato per circa undici ore; lo hanno fatto sapere oggi i vertici della societa’ attraverso un comunicato stampa. Il titolo eBay ha perso oltre il 9%.
(Vedi Internet: eBay vittima di troppa prudenza)

Nel settore dei media, i titoli di America Online (AOL) e Time Warner (TWX), in attesa del via libero definitivo alla fusione, hanno guadagnato quest’oggi rispettivamente il 14,5% e il 15%. Gli investitori, dopo che le due societa’ continuavano a segnare negli ultimi nuovi minimi sulle 52 settimane, hanno deciso di acquistare ritenendo che i due titoli fossero sottovalutati.

Nel settore delle attrezzature per le telecomunicazioni, Cisco Systems (CSCO) ha guadagnato oltre l’ 1%. Ieri e’ stato il titolo con il piu’ alto volume di scambi – 165 milioni di azioni sono passate di mano – dopo la decisione improvvisa della Federal Reserve di abbassare i tassi d’interesse. Precedentemente, il titolo aveva raggiunto il nuovo minimo sulle 52 settimane di $31,94.

Nel settore delle infrastrutture per l’informatica, BMC Software (BMCS) ha guadagnato quasi il 43,5%. La societa’ ha fatto sapere di attendersi per l’ultimo trimestre dell’anno 2000 un utile di 22 centesimi per azione, ben al di sopra dei 16 centesimi anticipati dai principali analisti di Wall Street.

Nel settore informatico, Computer Associates (CA) ha segnato un rialzo di oltre il 21% dopo che John McPeake, analista di Pudential Securities ne ha aumentato il rating da “Hold” ad “Accumulate”.

Ecco di seguito la lista dei 10 titoli piu’ scambiati
al New York Stock Exchange (dati non ufficiali di chiusura) con
rispettivi volumi, prezzi e variazioni percentuali (verificare chiusure
definitive cliccando sul simbolo dei singoli titoli)
:

SIMBOLO

SOCIETA’

VOLUME

PREZZO (in $)

VARIAZIONE    (in punti)

VARIAZIONE (percentuale)

LU

Lucent Technologies  

34,179,900

15.313

+0.125

+0.82%

PFE

Pfizer

30,603,400

41.500

-2.063

-4.73%

EIX

Edison International 

27,929,300

11.000

-1.250

-10.20%

GX

Global Crossing

27,458,000

21.375

+3.688

+20.85%

C

Citigroup

26,647,500

55.250

+0.313

+0.57%

NT

Nortel Networks

25,217,500

35.938

+1.063

+3.05%

JPM

J.P. Morgan Chase

24,936,800

51.813

+1.188

+2.35%

AOL

America Online 

24,994,100

42.730

+5.230

+13.95%

GE

General Electrics

24,167,500

47.813

0.00

0.00%

MOT

Motorola

21,917,500

22.875

-1.250

-5.18%

Ecco di seguito la lista dei 10 titoli piu’ scambiati
al Nasdaq (dati non ufficiali di chiusura) con rispettivi volumi,
prezzi e variazioni percentuali (verificare chiusure definitive cliccando
sul simbolo dei singoli titoli)
:

SIMBOLO

SOCIETA’

VOLUME

PREZZO (in $)

VARIAZIONE   (in punti)

VARIAZIONE (percentuale)

CSCO

Cisco Systems

104,504,000

41.563

+0.250

+0.61%

WCOM

Worldcom

83,798,500

19.563

-0.438

-2.19%

INTC

Intel

63,665,300

33.250

-0.969

-2.83%

SUNW

Sun Microsystems

60,090,100

30.375

-2.625

-7.95%

ORCL

Oracle  

53,949,600

32.500

+0.500

+1.56%

MSFT

Microsoft

52,435,700

48.313

+0.375

+0.78%

DELL

Dell Computer

52,140,600

19.250

-0.750

-3.75%

AMAT

Applied Materials

45,219,700

44.375

-5.250

-10.58%

JDSU

JDS Uniphase

40,719,600

49.375

-4.250

-7.93%

XOXO

Xo Communications

26,719,600

20.938

+0.875

+4.36%