Wall Street serena attende Beige Book e discorso Obama

8 Settembre 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Tutti positivi a Wall Street i principali indici sostenuti, esattamente al contrario della vigilia, da buone notizie provenienti dal settore bancario europeo. Dopo il terremoto di ieri scatenato da un report del Wall Street Journal secondo gli stress test di luglio avrebbero sottostimato i rischi, prontamente smentito dal Comitato Europeo dei Supervisori Bancari che invece ha ribadito la validità della metodologia, sono giunte oggi alcune news confortanti. La prima riguarda l’esito positivo dell’asta di titoli di Stato portoghesi, la seconda la decisione da parte del governo irlandese di dividere in due la problematica Anglo Irish Bank per risanarla dalle radici. Momentaneamente allontanate le preoccupazioni sullo stato di salute di banche e debiti sovrani dell’EuroZona e in una sessione priva di dati macro (l’unico, non negativo, riguarda l’aumento delle offerte di lavoro a luglio su base annuale, anche se si è ben lontani dai livelli pre-crisi), oltreoceano si attende ora la diffusione del Beige Book (20.00 ora italiana) cui seguirà il discorso di Obama sull’economia da Cleveland. In molti stanno scommettendo su cosa dirà il presidente degli States. L’ipotesi più papabile è che venga ripreso, dettagliato, il discorso sulla politica di stimoli all’econonomia anticipata nel giorno del Labor Day, che a dire il vero ieri non ha suscitato grande entusiasmo tra gli investitori. Sul valutario l’allentamento della tensione sul dollaro si traduce in una maggiore serenità dei grandi titoli esportori, mentre sul fronte corporate, in assenza di trimestrali rilevanti si assiste a quella che sembra ormai essere diventata una moda: assumere gli ex top manager di grandi aziende. Dopo il caso Mark Hurd, abbandonato da HP e poi passato a Oracle (ma HP non ci sta, e intende fargli causa perchè teme che possa rivelare all’arcirivale segreti aziendali) è il terzo assicuratore Willis Group ad ingaggiare l’ex CEO dell’AIG per far guerra a Marsh & McLennan e Aon. Anche oggi non mancano notizie su Mergers & Acquisitions. Bristol-Myers Squibb rileva ZymoGenetics, mentre la Zoran acquista Microtune. A metà seduta il Nasdaq avanza dell’1,06%, l’S&P500 dello 0,85%, il Dow JOnes dello 0,62%.