Wall Street sempre più impensierita da fragilità ripresa

24 Agosto 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Si conferma in netto calo a metà seduta la borsa di Wall Street. Il sentiment risente anche oggi dei timori per la fragilità della ripresa economica, come confermato dai dati macroeconomici diffusi oggi. La vendita di case esistenti ha fatto segnare a luglio un crollo del 27,2% sia per il venir meno degli incentivi governativi che lo scorso anno avevano risollevato il mercato immobiliare, sia per la scarsa propensione all’acquisto degli statunitensi. Anche l’indice Fed manifatturiero di Richmont è peggiorato ad agosto più di quanto atteso. L’attenzione si sposta ora sul dato relativo alle vendite di case nuove di domani e, soprattutto, alla revisione del PIL di venerdì. Occhi puntati anche sul meeting annuale della Federal Reserve del fine settimana. Secondo il Wall Street Journal gli esponenti della banca centrale cercheranno di capire se adottare o meno misure a sostegno dell’economia. Il Dow Jones segna un calo dello 0,89%, l’S&P500 dell’1,02%, il Nasdaq dell’1,16%.