WALL STREET: SARA’ UN DOW DA RECORD?

28 Settembre 2006, di Redazione Wall Street Italia

Gli indici americani hanno inziato la seduta di borsa in rialzo, spinti dal recente ottimismo su economia e outlook dei tassi. Il Dow Jones guadagna lo 0.28% a 11721, l’S&P500 lo 0.18% a 1338, il Nasdaq avanza dello 0.32% a 2270.

Il momentum sui mercati potrebbe spingere il Dow Jones al rialzo, fino a superare i massimi storici, di chiusura a 11722 e intraday a 11750, entrambi segnati il 14 gennaio del 2000.

In mattinata, il dati finale sul Prodotto Interno Lordo ha deluso le attese degli analisti, attestandosi ad un tasso di crescita pari al 2.6%, dal 2.9% precedente. Sostanzialmente stabile, invece, la situazione nel comparto del lavoro, con le richieste di sussidi di disoccupazione risultate in linea col consensus.

Per la cronaca societaria, Citigroup ha alzato il target price della societa’ di chip Advanced Micro Devices, il che potrebbe dare una spinta al titolo. Nella giornata di ieri, un giudice federale aveva limitato le conseguenze del contenzioso legale in cui la rivale Intel avrebbe beneficiato di una posizione dominante di mercato, ma il titotlo e’ riuscito ad avanzare ugualmente.

Nel comparto energetico, il colosso Chevron ha annunciato che la produzione di gas naturale nei primi due mesi del terzo trimestre, e’ risultata in crescita dell’1.4% rispetto al trimestre precedente, grazie ai lavori di ristrutturazione nelle aree danneggiate dalle tempeste abbattuttesi sul Golfo del Messico.

Intanto, in avvio, il petrolio arretra leggermente (-12 centesimi) a $62.84 al barile. Ieri l’oro nero e’ riuscito a mettere a segno un considerevole rialzo nonostante l’incremento delle scorte di benzina e prodotti distillati.

Nel settore dell’auto, Rick Wagone, CEO di General Motors, ha annunciato che nel caso di una mancata alleanza con Nissan e Renaul, la situazione per la societa’ non e’ da ritenersi critica, Inoltre, Kirk Kerkorian, proprietario di Tracinda, ha inviato una lettera al dirigente esprimendo l’interesse ad innalzare la propria quota nel gruppo.

Vedi decine di small e medium cap in forte crescita segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 8 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link INSIDER

Sugli altri mercati, sul valutario, l’euro e’ stabile nei confronti del dollaro a $1.2696. L’oro avanza di $4.60 a $607.90 l’oncia. In ribasso i titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ salito al 4.622%.