Wall Street, riflette su conti e dati macro

15 Aprile 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Prosegue all’insegna della prudenza la giornata di Wall Street, dopo una partenza debole ed un successivo miglioramento. A sostenere l’azionario Usa, i conti migliori delle attese di alcune big, come United Parcel Service (UPS) che controbilanciano i dati macro contrastanti diffusi oggi e le persistenti preoccupazioni sulla situazione in Grecia. Dopo la chiusura della borsa sono attese le trimestrali di Google e Advanced Micro Devices (AMD). L’Empire State, che misura le condizioni del settore manifatturiero, è risultato migliore del previsto. L’indice infatti ha evidenziato una salita ad aprile attestandosi a 31,9 punti, contro i 22,9 di marzo e superiore ai 24 punti indicati dagli analisti. Si ricorda che un livello del dato superiore/inferiore allo 0 indica che la maggior parte delle compagnie riportano miglioramenti/peggioramenti delle condizioni. Ancora delusioni invece giungono dal mercato del lavoro, con le nuove richieste di sussidio alla disoccupazione che si attestano a 484 mila in aumento di 24.000 unità e nettamente superiori alle 440 mila stimate dal consensus. Cattive notizie anche dal fronte immobiliare, con un aumento considerevole delle case finite sotto pignoramento negli Usa, nei primi tre mesi dell’anno, secondo quanto comunicato da RealtyTrac. L’indice relativo all’attività economica del distretto FED di Philadelphia, sale oltre le attese, mentre la produzione industriale cresce ma in maniera più contenuta rispetto alle srime di mercato. Tra gli indici, il Dow Jones mostra un timido calo dello 0,10% mentre il nasdaq sale dello 0,18%. Debole il più ampio paniere S&P500 che lima lo 0,10%.