Wall Street riduce perdite ma è sempre in forte calo

25 Maggio 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – La borsa statunitense giunge alla metà seduta con gli indici in netto calo ma ben al di sopra dei minimi toccati in avvio di contrattazioni. Gli investitori hanno probabilmente guardato con un filo di ottimismo il buon dato sulla fiducia dei consumatori, balzata a maggio ben oltre le attese, fermando un po’ l’ondata di vendite. Restano comunque forti i timori per l’evoluzione della crisi del debito in Europa, cui si aggiungono i dubbi sul reale stato di salute del sistema bancario del Vecchio Continente dopo il tracollo della banca spagnola CajaSur, cui è venuta in aiuto la Banca centrale iberica. Resta inoltre alto il livello di allerta per l’acuirsi delle tensioni tra la Corea del Sud e quella del Nord. Non aiuta nemmeno l’attuale forza del dollaro nei confronti dell’euro, anche se nel pomeriggio la moneta unica ha recuperato un po’ di terreno nei confronti del biglietto verde e ora per acquistare un euro bisogna spendere 1,2279 dollari. A pochi minuti dalle 19.00 il Dow Jones viaggia ormai stabile sotto quota 10.000 punti abbandonata oggi, precisamente a 9.870 punti con una minusvalenza dell’1,99%. In profondo rosso anche l’S&P500 -1,91% a quota 1.053 e il Nasdaq -1,93% a 2.170 punti.