WALL STREET: RIALZISTI ANCORA ALL’ATTACCO

10 Settembre 2009, di Redazione Wall Street Italia

I listini azionari americani hanno guadagnato per la quinta sessione consecutiva, registrando la piu’ lunga serie positiva dallo scorso novembre. Il Dow Jones e’ avanzato dello 0.84% a 9627, l’S&P500 dell’1.04% a 1044, il Nasdaq ha chiuso con un progresso dell’1.15% a 2084. La revisione delle stime sulla domanda di greggio e il calo ai minimi di luglio delle richieste di sussidio hanno spinto gli investitori a continuare a puntare sull’azionario.

Vuoi sapere cosa comprano e vendono gli Insider di Wall Street? Prova ad abbonarti a INSIDER: costa meno di 1 euro al giorno. Clicca sul link INSIDER

Chevron e Schlumberger hanno messo a segno buoni rialzi dopo che l’IEA (International Energy Agency) ha annunciato che i consumi in Cina e negli Stati Uniti innescheranno un incremento della domanda per prodotti petroliferi. Nel settore telecom, acquisti su AT&T grazie ad un ultimo rapporto da cui emerge che Apple potrebbe continuare a garantire l’esclusivita’ nelle vendite dell’iPhone sul territorio americano. Bene Procter & Gamble, in rally grazie alle stime sugli utili migliori del previsto, e Yahoo! che ha beneficiato delle raccomandazioni di acquisto da parte di Bank of America.

Nell’ultima settimana le nuove richieste di sussidio hanno mostrato che un numero di persone inferiore alle previsioni ha fatto ricorso ai benefit di disoccupazione. Il numero di richieste continuative e’ sceso invece sui minimi dallo scorso aprile. Nel frattempo tuttavia il deficit di bilancio degli Stati Uniti si e’ allargato sui massimi dal febbraio del 1999.

“I numeri giunti dal mercato del lavoro sono un’altra conferma che l’economia potrebbe aver toccato il punto di fondo” ha affermato Wasif Latif, manager di USAA Investment Management. Il rally degli ultimi mesi ha spinto l’indice S&P500 ad una valutazione di 19x gli utili riportati dalle societa’ che lo compongono: si tratta del piu’ alto livello da giugno 2004, in forte rialzo dai minimi di 24 anni (10.11x) di appena sei mesi fa.

Tornando al settore societario, sono giunte buone notizie dal comparto tecnologico, dove il produttore di chip Texas Instruments ha alzato le stime sugli utili e ASML Holding ha rivisto al rialzo quelle sul fatturato. Il miglioramento delle linee guida da parte delle due aziende giunge in seguito alle parole sempre piu’ ottimiste di Skywork Solutions, Diodes e altri protagonisti del comparto. “Il settore hi-tech resta forte” ha detto Charles Bobrinskoy, Vice Chairman di Ariel Investment. “E’ difficile trovare una sola notizia negativa proveniente dal comparto nell’ultimo mese”.

A mercati chiusi National Semiconductor rendera’ noti i conti trimestrali. Oltre a Yahoo!, a chiudere in denaro e’ stata anche Time Warner (+3.7%) dopo che Goldman Sachs ha alzato il rating sui titoli del colosso dei media a Conviction Buy da Neutral, citando un ritorno alla crescita dei profitti aziendali che dovrebbe alimentare un rally nel settore pubblicitario nazionale entro il secondo trimestre dell’anno, se non prima.

Tutt’altro discorso per la societa’ chimica, specializzata in fertilizzanti, Monsanto, arretrata di oltre il 5% dopo aver avvertito che gli utili finiranno per avvicinarsi alla parte bassa della forchetta e aver previsto risultati inferiori alle previsioni nel 2010.

Sempre tra le notizie societarie arrivate in giornata, Corning e General Mills hanno entrambe migliorato le previsioni sugli utili. Il produttore di vetro e schermi LCD ha detto di aspettarsi nel terzo trimestre un volume dei ricavi superiore a quello previsto in precedenza. Da parte sua General Mills ha invece reso noto che i profitti del primo trimestre hanno battuto le attese della societa’ alimentare, aiutati dal miglioramento dei margini.

Sugli altri mercati, nel comparto energetico avanza il greggio. I futures con consegna ottobre hanno guadagnato $0.63 a $71.94 al barile. Sul valutario, l’euro si rafforza leggermente nei confronti del dollaro a quota $1.4585. In lieve flessione l’oro, con i futures con scadenza dicembre in calo di $0.30 a 996.80. In rialzo i prezzi dei Titoli di Stato Usa: il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ sceso al 3.3420% dal 3.4790% di mercoledi’.