WALL STREET REAGISCE MALE AI DATI ECONOMICI

25 Maggio 2001, di Redazione Wall Street Italia

Il drastico calo degli ordini dei beni durevoli in aprile ha dato uno scossone ai mercati che alla notizia di una flessione del 5,0% rispetto al mese precedente (le stime erano di un calo del 2,2%), stanno reagendo negativamente.

Il Dow Jones e’ attualmente sotto di 53 punti a quota 11.069 punti mentre il tabellone elettronico accusa un calo di 19 punti a quota 2.262 punti.

Verificare aggiornamento indici in TEMPO REALE in prima pagina

A controbilanciare lievemente i mercati gli altri due dati macroeconomici attesi nella mattinata.

La vendita di case esistenti negli Stati Uniti ha registrato un calo del 4,2% nel mese di aprile complessivamente in linea con le aspettative.

Discreto anche il Michigan Sentiment di maggio che ha segnato un rialzo a 92.0 punti.

In aprile il dato era calato a 88,4, mentre a meta’ mese era stato comunicato a 92,6 per il mese di maggio.

Tra i principali titoli in movimento oggi a Wall Street:

Nel settore semiconduttori:

Micron Technology (MU – Nyse) e’ in rialzo di quasi il 2% dopo che un tribunale italiano ha dato ragione alla societa’ riguardo la causa contro Rambus (RMBS – Nasdaq) per violazione di licenze e brevetti su alcuni chip.

I due rivali Transmeta Corp. (TMTA – Nasdaq) e Advanced Micro Devices Inc. (AMD – Nyse) hanno formato un’alleanza strategica per aumentare la concorrenza con il leader del mercato dei chip Intel Corp. (INTC – Nasdaq). Il titolo TMTA guadagna il 3,5%, mentre AMD solo l’ 1,25%.
(Vedi anche CHIP: TRANSMETA E AMD INSIEME CONTRO INTEL)

Nel settore software:

PeopleSoft (PSFT – Nasdaq) guadagna oltre il 3% dopo che Lehman Brothers ha confermato per il titolo un rating “Strong Buy”. La banca d’affari ritiene che la societa’ sta riscuotendo grosso successo tra nuovi e vecchi clienti.

Nel settore industriale:

General Electric Co. (GE – Nyse) perde l’ 1%. Salomon Smith Barney ha detto alla clientela che gli ordini per il colosso industriale hanno registrato in aprile un rialzo del 20%.

Nel settore telecomunicazioni:

XO Communications (XOXO – Nasdaq) perde oltre il 6,5% dopo che Morgan Stanley Dean Witter ha ridotto il rating sul titolo da “Strong Buy” a “Neutral”. Gli analisti della banca d’affari ritengono che il nuovo business plan sia fattibile, ma richieda agli investitori una fiducia e un impegno che questi non sembrano voler dare alla societa’ nel breve termine.
(Vedi anche PREBORSA: XO COMM -10% DOPO DOWNGRADE MSDW)