WALL STREET RALLENTA MA RESTA POSITIVA

10 Settembre 2009, di Redazione Wall Street Italia

I listini azionari si prendono una pausa dalla corsa vista di recente, con i dati migliori del previsto giunti dal fronte del mercato del lavoro che sono stati oscurati dalle preoccupazioni circa la sostenibilita’ del rally di quattro giorni.

Vuoi sapere cosa comprano e vendono gli Insider di Wall Street? Prova ad abbonarti a INSIDER: costa meno di 1 euro al giorno. Clicca sul link INSIDER

A pesare sui listini sono i cali di American Express, Bank of America e General Electric, mentre a limitare le perdite contribuisce il +4.7% di Procter & Gamble, che conta di tagliare i prezzi e aumentare il numero di promozioni dopo aver perso quote di mercato a discapito dei rivali che offrono prodotti a basso costo. Da parte sua Monsanto cede il 5% circa dopo aver avvertito che gli utili finiranno per avvicinarsi di piu’ alla parte bassa della forchetta e aver previsto risultati inferiori alle previsioni nel 2010.

Prima del suono della campanella i dati diffusi dal Dipartimento del Lavoro hanno mostrato che le nuove richieste settimanali di sussidio di disoccupazione sono calate in maniera piu’ marcata rispetto alle attese, restando tuttavia su cifre molto alte. Le richieste continuative sono invece scese sui minimi da aprile.

Il report e’ solo l’ultimo di una serie di dati migliori alle attese giunti ultimamente, ma tra gli investitori ha preso piede l’idea secondo cui le buone notizie sono gia’ state tenute conto nel rally messo a segno dal mercato dai minimi di inizio marzo.

Nel frattempo ritracciano le materie prime, che nelle ultime sedute avevano beneficiato della deblezza della valuta americana, con l’indice Dow Jones-UBS Commodity che al giro di boa cede lo 0.8%.

A livello settoriale le migliori performance sono segnate dai comparti: Airlines-FAA +4.9%, Natural Gas-UNG +4.3%, Solar-TAN +2.7%, Internet-HHH +2.4% and Gold Miners-GDX +2.2%. Tra i piu’ forti ribassi: Gasoline-UGA -2.3%, Base Metals-DBB -2.2%, Agribusiness-MOO -1.7%, Heating Oil-UHN -1.3% and Banks-KBE -1.2%.

Alle 18.30 circa il volume di scambio e’ di 490 milioni di pezzi al NYSE e 1.19 miliardi al Nasdaq. I titoli in rialzo contro quelli in ribasso sono 1734 a 1157 al Nyse e 1356 a 1196 al Nasdaq. I nuovi massimi contro i nuovi minimi delle ultime 52 settimane sono: 130 a 0 al NYSE e 89 a 1 al Nasdaq.