WALL STREET PUNTA AD ESTENDERE I GUADAGNI

1 Novembre 2006, di Redazione Wall Street Italia

Avvio positivo per Wall Street, sostenuta dalle ultime trimestrali, dal calo del greggio, dal rinnovato ottimismo sull’economia e da alcune trattative di merger & acquisition. Il Dow Jones guadagna lo 0.29% a 12116, l’S&P500 lo 0.24% a 1381, il Nasdaq e’ in progresso dello 0.25% a 2372.

A spingere agli acquisti in apertura sono principalmente le notizie societarie, relative agli utili e agli accordi di fusioni/acquisizioni.

Nel comparto farmaceutico, la catena [[CSV]] ha annunciato di essere in trattative per l’acquisizione di Caremark Rx ([[CMX]]): il New York Times, in un articolo pubblicato in mattinata, ha valutato l’affare intorno ai $21 miliardi.

Note positive anche dal colosso media, Time Warner ([[TWX]]), che ha riportato risultati trimestrali superiori alle attese, aiutata dai guadagni derivanti dall’acquisto dell’operatore via cavo Adelphia Communications, e da altri investimenti. Positive anche i numeri di Mastercard ([[MA]]), PeopleSupport ([[PSPT]]) (ma il titolo in calo per l’annuncio di offerta di azioni) e del colosso minerario Newmont Mining ([[NEM]]).

Sul fronte macro, alle 16:00 ora italiana verranno rilasciati i dati sulla spesa per le costruzioni e sull’indice ISM Manifatturiero. Mezz’ora piu’ tardi l’attenzione si spostera’ sul comparto energetico in occasione del consueto dato settimanale sulle scorte. Le attese sono per un rialzo delle riserve di greggio e per un calo per quelle di prodotti distillati e benzina. Intanto, in avvio, i futures con scadenza dicembre segnano un ribasso di 12 centesimi a $58.61 al barile.

Alle 19:00, infine, e’ atteso un intervento del presidente della Federal Reserve, Ben Bernake, sullo “Sviluppo delle Istituzioni Finanziarie”.

Vedi decine di small e medium cap in forte crescita segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 8 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link INSIDER

Sugli altri mercati, sul valutario, stabile l’euro nei confronti del dollaro a 1.2763. L’oro avanza di $10 a $616.80 l’oncia. In lieve ribasso i titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ salito al 4.6120%.