WALL STREET: PROVE TECNICHE DI RIALZO

17 Aprile 2003, di Redazione Wall Street Italia

Dopo una partenza cauta, i listini azionari Usa hanno gradualmente guadagnato terreno, portandosi stabilmente in territorio positivo. In particolare, e’ sul Nasdaq che si sono maggiormente indirizzate le correnti di acquisto, dopo le buone trimestrali pubblicate da Nokia (NOK – Nyse) e Broadcom (BRCM – Nasdaq). L’indice hi-tech sale dell’1,7%.

Gli investitori hanno accolto con favore il rapporto del Philadelphia Fed di aprile. Nonostante sia risultato negativo, i dati suggeriscono che il livello di nuovi ordinativi non e’ calato a causa della guerra in Iraq.

Sulla performance del Dow Jones (DJIA), tuttavia, hanno pesato le prospettive reddituali poco incoraggianti di Sears (S – Nyse) e United Technologies (UTX – Nyse), nonche’ il giudizio negativo di UBS su Caterpillar (CAT – Nyse). In rosso anche Honeywell (HON – Nyse), sul cui business gravano le difficolta’ delle compagnie di volo.

Sicuramente migliore e’ stata la prova del Nasdaq (IXIC), sostenuto dai conti positivi di Nokia (NOK – Nyse) e dalla crescita dei chip (SOX). Si distinguono, tra gli altri, i guadagni di Broadcom (BRCM – Nasdaq) e Applied Micro Circuits (AMCC – Nasdaq), promosse dalle banche d’affari dopo i buoni risultati di bilancio. Continua, poi, a sostenere il comparto Intel (INTC – Nasdaq), che oggi ha messo a segno un altro buon rialzo (+1,65%).
In controtendenza Apple (AAPL – Nasdaq), che nell’after hour di ieri ha presentato un bilancio poco convincente.

Tra gli altri spunti rialzisti, infine, da segnalare la prova di AMR (AMR – Nyse), avanzata di piu’ del 23% dopo la conclusione favorevole di alcune vertenze sindacali.

Sul fronte macroeconomico, sono stati deludenti i dati sui nuovi sussidi di disoccupazione: la media mobile a quattro settimane ha raggiunto quota 424.750, il livello piu’ elevato da 11 mesi.

Anche il comparto manifatturiero ha registrato un peggioramento. Il Philadelphia Fed, l’indice che anticipa lo stato dell’economia Usa, ad aprile e’ infatti arretrato a quota -8,8 dai -8 punti di marzo.

Per tutti i dettagli sui titoli che stanno movimentando la seduta odierna clicca su WSI TITOLI CALDI, in INSIDER.