WALL STREET: PROSEGUONO LE VENDITE A NEW YORK

17 Novembre 2008, di Redazione Wall Street Italia

Vendite in avvio di settimana sui mercati americani. I contrastati dati macro non offrono supporto agli operatori, delusi anche dall’assenza di azioni forti da parte dei Paesi del G-20 per bloccare la crisi economica a livello globale. Si estende cosi’ la striscia negativa, la scorsa settimana infatti e’ stata archiviata dai listini con una perdita media del 6%.

Gli operatori sono in qualche modo delusi da quanto emerso dall’incontro dei leader del G-20 tenutosi lo scorso weekend a Washington. Dal meeting e’ emersa la volonta’ dei partecipanti a stimolare la domanda, stabilizzare il sistema finanziario e garantire risorse necessarie al Fondo Monetario Internazionale per aiutare i Paesi in difficolta’ a superare la crisi. Scetticismo pero’ tra gli economisti. Gli strategist di UBS notano che “il comunicato altro non e’ che una recitazione delle iniziative passate, accompagnato da ovvi commenti.

Il presidente eletto Barack Obama ha intanto riconfermato l’importanza di attuare un piano di salvataggio per il settore dell’auto. General Motors, in rialzo nel preborsa, ha intrapreso alcune discussioni con il governo tedesco circa le garanzie relative alla divisione Opel. L’azienda ha anche ceduto l’ultima quota d’investimento in Suzuki per un controvalore di $230 milioni.

Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link INSIDER

Tra le altre notizie societarie, nel comparto finanziariocome previsto la banca Citigroup ha confermato una riduzione del 20% della forza lavoro ed annunciato un taglio del 20% della spesa dai livelli di picco. Luci puntate su Goldman Sachs in seguito alla decisione dei dirigenti di rinunciare ai bonus di fine anno

Il gigante retail Target ha diffuso una trimestrale in linea con le attese ma ha sospeso il piano di riacquisto di azioni proprie. In ribasso la societa’ retail di articoli per la casa Lowe’s dopo aver riportato un calo del 24% dei profitti nell’ultimo trimestre. In buon rialzo il gruppo energetico ConocoPhillips: Berkshire Hathaway (la societa’ di Warren Buffet) ha reso noto un incremento dell’esposizione sull’azienda.

Sul fronte macro, l’indice sull’attivita’ manifatturiera dell’area di New York ha registrato un ulteriore calo nel mese di novembre, attestandosi a livelli leggermente migliori delle attese. Bene la produzione industriale, ad ottobre cresciuta dell’1.3% battendo di gran lunga le stime degli economisti.

Sugli altri mercati, in flessione il petrolio: i futures con consegna dicembre sono in ribasso di $0.78 a $56.26 al barile. Sul valutario, l’euro e’ in recupero nei confronti del dollaro a quota 1.2641. In calo l’oro a $733.90 l’oncia (-$8.60). In progresso i Titoli di Stato Usa: il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ sceso al 3.71%.

parla di questo articolo nel Forum di WSI