WALL STREET PROSEGUE IN ROSSO, DELUDE LA FIDUCIA

10 Luglio 2009, di Redazione Wall Street Italia

Il deprezzamento del petrolio e l’incertezza sulle trimestrali societarie sta mettendo ulteriormente pressione sui listini, con il paniere allargato S&P 500 che si avvia a chiudere la quarta settimana di fila in rosso.

Vuoi sapere cosa comprano e vendono gli Insider di Wall Street? Prova ad abbonarti a INSIDER: costa meno di 1 euro al giorno. Clicca sul link INSIDER

Particolarmente presi di mira in mattinata i settori energetico, bancario e degli industriali. I petroliferi sono stati colpiti dalle vendite dopo che Chevron ha annunciato che i margini di raffinazione scivoleranno nel secondo trimestre, presentato conti fiscali di molto inferiori rispetto allo scorso anno. Negli ultimi tempi di difficili condizioni economiche le societa’ petrolifere erano state tra le piu’ solide.

Un altro duro colpo inflitto al settore arriva dalle contrattazioni sul mercato energetico, dove i prezzi dell’oro nero Usa perdono terreno, dopo che ieri avevano interrotto una serie negativa di sei sedute. Inoltre gli investitori interpretano la debolezza del petrolio come un indice della debolezza dell’economia.

Gli operatori sono rimasti delusi dal calo piu’ marcato del previsto della lettura preliminare sulla fiducia dei consumatori a cura dell’Universita’ del Michigan. Il mercato e’ preoccupato che i consumatori, le cui spese sono fondamentali per l’economia americana, cercheranno di risparmiare sempre piu’ denaro a causa dei timori di perdere il proprio posto di lavoro.

Restando in ambito macroeconomico, i dati giunti finora hanno sorpreso in positivo, ma non sono stati sufficienti a far invertire rotta al mercato. I prezzi import/export hanno registrato un progresso decisamente superiore alle attese in giugno, mentre il disavanzo della bilancia commerciale si e’ inaspettatamente ristretto nel mese di maggio.

Ad alimentare il nervosismo del mercato e’ anche l’attesa per la sfilza di trimestrali societarie in arrivo. Dopo che il gigante dell’alluminio Alcoa ha dato il via alla stagione con un risultato migliore delle attese, ieri a mercati chiusi e’ arrivato il warning di Chevron. Entrambe le aziende fanno parte del paniere industriale.

Ma e’ la prossima settimana che la stagione entra nel vivo, con il mercato che conoscera’ i conti fiscali di giganti del calibro di Johnson & Johnson, JPMorgan Chase e Google. Il mercato spera di ottenere segnali di un miglioramento dell’economia nella seconda parte dell’anno, ma per il momento a prevalere e’ il pessimismo.