WALL STREET: PRIMA PARTE DI SEDUTA DEBOLE A NY

2 Dicembre 2003, di Redazione Wall Street Italia

Prima parte di seduta debole per le borse americane, condizionate da alcuni profit warning societari e dalle prese di profitto degli operatori dopo il rally dei listini di lunedi’.

La maggiore perdita oggi la sostiene il Dow Jones, che cede lo 0.45% a 9854 punti. L’indice industriale lunedi’ aveva raggiunto i massimi di 18 mesi. In calo dello 0.31% l’S&P500 a 1066, mentre il Nasdaq perde lo 0.25% a 1984.

In assenza di dati macroeconomici, l’attenzione del mercato oggi e’ concentrata sulle notizie societarie. Il colosso delle bibite PepsiCo ha annunciato che per il 2004 si aspetta EPS di $2.24-2.28, contro i $2.45 stimati dagli analisti. Buone notizie, invece, dal comparto hi-tech, con l’ottimismo di UBS sulle prospettive del colosso dei chip Intel.

Sugli altri mercati, sono ancora in calo i titoli di Stato, sotto pressione a causa del crescente ottimismo del mercato sulla ripresa dell’economia Usa. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ al 4.408% contro il 4.385% della chiusura di lunedi’.

Il prezzo dell’oro continua a tenersi al di sopra dei $400 all’oncia: non accadeva da sette anni. Dopo un parziale recupero messo a segno nel corso della notte, il dollaro e’ tornato a indebolirsi nei confronti dell’euro. Il cambio tra le due valute e’ a 1.2067. In rialzo, infine, il prezzo del petrolio, che guadagna 27 centesimi a $30.22 al barile (da Target News, in tempo reale per gli abbonati a INSIDER).