WALL STREET: PREVALE IL CLIMA DI FIDUCIA

4 Ottobre 2004, di Redazione Wall Street Italia

Chiusura positiva per i listini azionari americani, anche se nella fase finale della sessione hanno registrato una flessione piuttosto marcata rispetto massimi dell’intraday. Il Dow Jones guadagnato lo 0.23% a 10216, l’S&P 500 lo 0.32% a 1135 e il Nasdaq 0.53% a 1952.

I mercati hanno beneficiato del generale clima di ottimismo sugli utili societari del terzo trimestre, che questa settimana iniziano ad entrare nel vivo della stagione. Sette societa’ dell’S&P500 pubblicano i risultati nell’arco delle prossime cinque sedute. L’agenzia di rating Standard & Poor’s si aspetta una crescita dei profitti del 13.9%. Si tratta di un livello molto sostenuto, anche se inferiore all’aumento del 20% messo a segno nel primo trimestre.

Jay Suskind, direttore del trading per Ryan, Beck & Co, ha commentato la seduta odierna dicendo che tra gli operatori si sta diffondendo la sensazione che l’economia americana si stia riprendendo. Tra i sostenitori della solidita’ della ripresa anche Bear Stearns. Secodno la banca d’affari, i recenti dati economici sono indice di una solida espansione economica e non e’ esclusa la possibilita’ che la crescita del quarto trimestre possa essere molto piu’ robusta di quanto pronosticato.

Un sostegno alle borse e’ arrivato dal calo del petrolio. Il miglioramento della situazione in Nigeria, primo produttore in Africa, ha spinto la quotazione del greggio sotto la soglia dei $50 al barile. Il future con scadenza novembre ha chiuso a $49.91 al barile, in ribasso di 21 centesimi, dopo essere sceso fino a $49.65 nel corso degli scambi.

Ha deluso le attese degli economisti il dato sugli ordini alle fabbriche, pubblicato alle ore 16:00 ora italiana. Nel mese di agosto l’indicatore ha registrato una flessione dello 0.1%, guidato principalmente dal calo flessione della domanda nel settore trasporti. Il consensus era di un +0.1%.

Tra i titoli che si sono distinti, da segnalare il forte rialzo di Siebel Systems (SEBL – Nasdaq). Il titolo ha guadagnato oltre il 15% dopo che la societa’ di software ha riportato risultati trimestrali preliminari superiori alle attese degli analisti.

Cattive notizie, invece, su General Motors (GM – Nyse) e Colgate-Palmolive (CL – Nyse), colpite dalle note negative delle banche, e sul portale Internet Yahoo! (YHOO – Nasdaq), declassato da Buy a Hold a causa di preoccupazioni sulla valutazione del titolo.

Tra le blue chip del Dow Jones, hanno guadagnato piu’ del 2% Merck, Walt Disney, American Express, SBS Communications e Verizon. In rosso invece General Motors, Citigroup e 3M. Vedi decine di azioni segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 12 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link INSIDER

Sugli altri mercati, i future sull’oro con scadenza dicembre hanno chiuso a $415.60 all’oncia, in ribasso di $5.60, sotto i $420 all’oncia per la prima volta in tre sessioni. Il metallo prezioso e’ rimasto sotto pressione a causa del rafforzamento del dollaro e della buona performance dei mercati azionari.

In rialzo i titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ passato al 4.17% rispetto al 4.19% della chiusura di venerdi’.

Per un commento operativo su indici, settori e titoli, vedi l’aggiornamento
di meta’ sessione, curato da Marco
Bonelli
.