WALL STREET POSITIVA MA RIDUCE I GUADAGNI INIZIALI

9 Marzo 2007, di Redazione Wall Street Italia

Gli indici azionari americani continuano a trattare in territorio positivo a meta’ seduta, dopo che i dati macro diffusi in mattinata hanno offerto alcuni segnali incoraggianti sullo stato di salute dell’economia a stelle e strisce. Il Dow Jones guadagna lo 0.23% a 12289, l’S&P500 lo 0.26% a 1405, il Nasdaq avanza dello 0.18% a 1391.

Dopo l’esitazione iniziale, gli operatori sono tornati agli acquisti grazie al rapporto occupazionale di febbraio che ha mostrato una crescita dei nuovi posti di lavoro di 97 mila unita’, sostanzialmente in linea con le attese degli analisti, ed un tasso di disoccupazione in calo al 4.5% dal 4.6%.

Inoltre il deficit della bilancia commerciale Usa ha registrato una contrazione per la quarta volta negli ultimi 5 mesi.

Sul fronte societario, a livello settoriale i maggior rialzi vengono riportati dai titoli di semiconduttori e telecom, soffrono invece i titoli del Web sulla scia delle povera performance del colosso Yahoo! ([[YHOO]]) dopo che da un articolo apparso sul Wall Street Journal si e’ appreso che la societa’ potrebbe rivedere i propri accordi di partnership con AT&T ([[T]]).

Tra i titoli del Dow Jones salgono maggiormente Alcoa ([[AA]]), Du Pont ([[DD]]) e McDonald’s ([[MCD]]); in ribasso General Motors ([[GM]]), Wal-Mart ([[WMT]]) e Hewlett-Packard ([[HPQ]]).

Sugli altri mercati, nel comparto energetico il greggio e’ in ribasso. I futures con scadenza aprile segnano un calo di 90 centesimi a $60.74 al barile. Sul valutario l’euro e’ in leggero calo rispetto al dollaro a quota 1.3114. L’oro arretra di $2.80 a $652.70 l’oncia. In netto calo i titoli di Stato Usa: il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ salito al 4.5870%.

BORSA: NEW YORK IN LIEVE RIALZO DOPO DATI MERCATO LAVORO

New York sembra avviata verso una nuova seduta di Borsa positiva, incoraggiata dai dati relativi all’ andamento del mercato del lavoro, che hanno evidenziato un calo inaspettato del tasso di disoccupazione a febbraio. Per il resto, gli spunti sono limitati, in assenza di notizie aziendali di rilievo.

A febbraio in ogni caso l’ economia statunitense ha prodotto circa 97mila posti di lavoro in più, il risultato peggiore da due anni a questa parte. Gli analisti peraltro avevano previsto +95mila occupati, di conseguenza il mercato azionario ha letto la statistica odierna positivamente, anche se in effetti non dovrebbero essere certo duemila posti in più a spostare la situazione del mercato lavorativo. C’é comunque voglia di recuperare il terreno perduto dopo lo ‘choc’ cinese, vale a dire la caduta di pochi giorni fa della borsa di Shanghai, di conseguenza anche oggi gli acquisti stanno, sia pure moderatamente, prevalendo sulle vendite.

Fra i titoli più in evidenza Caterpillar sale di 29 cents a 64,59 dollari, mentre Boeing è in rialzo di 82 cents, a 89,71 dollari. Fra i tecnologici, Yahoo! è in calo di 1,59 dollari, a 29,12, come conseguenza della prospettiva di un possibile venir meno dell’ alleanza fra il secondo motore di ricerca Internet ed il colosso delle tlc AT&T, che attualmente genera circa 200/250 milioni di dollari di ricavi. A sua volta il titolo AT&T avanza di 18 centesimi, a 36,69 dollari. La migliore performance fra i titoli compresi nell’ indice S&P 500 la sta in ogni caso mettendo a segno Big Lots, maggiore rivenditore di prodotti destinati altrimenti a riempire il magazzino, +16% a 28,73 dollari.

La trimestrale in questo caso ha evidenziato utili e ricavi sopra le aspettative degli analisti, inoltre Big Lots ha annunciato un’ operazione di buy-back, cioé di acquisto di azioni proprie, con effetto immediato. All’ opposto, sprofonda ancora una volta New Century, -53 cents a 3,34 dollari. La società opera nel segmento dei prestiti ad elevato coefficiente di rischio ed ha annunciato la chiusura del rubinetto creditizio. Ieri il titolo aveva ceduto addirittura il 25% in vista di una possibile bancarotta.

Attorno alle 18.30 ora italiana l’ indice Dow Jones guadagna lo 0,31% a 12.299,0 punti, il Nasdaq composite lo 0,28% a 2.393,35 e lo S&P 500 lo 0,32% a 1.406,38.