Società

WALL STREET POSITIVA, ACQUISTI CONCENTRATI SUL NASDAQ

Questa notizia è stata scritta più di un anno fa old news

La seduta di borsa di Wall Street si e’ chiusa con gli indici positivi. Il Dow Jones e’ avanzato dello 0.04% a 11469, l’S&P500 ha chiuso in progresso dello 0.17% a 1313, meglio il Nasdaq che ha guadagnato lo 0.57% a 2205.

Dopo la pausa di inizio settimana in occasione del Labor Day, gli operatori sono tornati ad affollare gli ambienti di Wall Street, concentrando gli acquisti nel comparto tecnologico. Settembre rappresenta senza dubbio il mese in cui il volume di scambi e’ destinato a crescere, dopo la parentesi delle vacanze estive, ma quella di oggi, e’ stata tuttavia, una giornata calma, priva di dati macroeconomici e con contenute notizie dal fronte societario.

L’aggiornamento piu’ atteso e’ quello del colosso dei semiconduttori Intel, che potrebbe annunciare, subito dopo la chiusura delle borse, un taglio della forza lavoro in una misura compresa tra le 10 mila e 20 mila unita’, stando a quelli che sono i commenti delle maggiori testate giornalistiche americane.

La decisione segue i deludenti risultati del secondo trimestre in cui i profitti netti sono diminuiti del 56%, a causa dell’agguerrita concorrenza capeggiata da Advanced Micro Devices. Il titolo INTC ha terminato la seduta in progresso dello 0.35%.

Di gran lunga migliore la performance giornaliera del colosso dei macchinari da costruzione Caterpillar, altro componente del Dow Jones, avanzato di oltre il 3% sull’annuncio di un incremento dei prezzi dei motori e delle attrezzature commercializzate dal gruppo a partire dal 2007. Il fatto ha spinto gli analisti di Merrill Lynch ad esprimere commenti positivi sul titolo, migliorandone il rating.

A riportare un’accentuata perdita e’ stata invece la societa’ media Viacom, scivolato di circa cinque punti percentuali. Infelice dell’attuale valutazione, il board della societa’ ha ben pensato di licenziare il CEO del gruppo, Tom Freston, che dall’inizio dell’anno ha dovuto assistere ad un deprezzamento del titolo pari a circa il 10%. A sostituirlo sara’ Philippe Dauman, gia’ componete del consiglio di amministrazione dell’azienda.

Nel comparto energetico, petrolio ancora in calo, sotto i $69 al barile, mentre cresce l’attesa per le eventuali sanzioni che potrebbero essere applicate all’Iran per non aver rispettato l’ultimatum relativo al progetto nucleare intrapreso da tempo. Alla fine della giornata, i futures con scadenza ottobre sono arretrati di 58 centesimi a $68.60, peggior livello dallo scorso 28 marzo.

Avanza pero’ la compagnia petrolifera Chevron grazie alla scoperta di un grosso giacimento di greggio nell’area del Golfo del Messico, che le permettera’ di raddoppiare il numero di riserve. Il titolo e’ avanzato del 3% circa.

Vedi decine di small e medium cap in forte crescita segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 8 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link INSIDER

Sugli altri mercati, sul valutario, in calo l’euro rispetto al dollaro. Nel tardo pomeriggio di lunedi’ a New York il cambio tra le due valute e’ sceso a $1.2817. L’oro ha chiuso in buon rialzo. I futures con scadenza dicembre sono avanzati di $14.30 a $646.90 all’oncia. In ribasso, infine, i titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ salito al 4.78%.