Wall Street poco mossa in ultimo giorno di un agosto da dimenticare

1 Settembre 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Indici poco mossi in chiusura a Wall Street, che però archivia il peggior agosto dal 2001 in termini di performance. Il mese concluso ieri è stato infatti caratterizzato da una serie di dati macroeconomici insoddisfacenti che hanno alimentato i timori per un double-dip, ovvero doppia caduta in recessione. La borsa statunitense ha azzerato i guadagni sul finale in scia alla pubblicazione dei Minutes del Fomc della riunione del 10 agosto, dove non è emersa nessuna novità di rilievo rispetto a quanto già anticipato dal numero uno della Fed Ben Bernanke nel discorso a Jackson Hole di venerdì, se non che molti esponenti della politica monetaria USA ritengono necessarie misure di stimolo all’economia data la debolezza della ripresa. La conferma che le cose non vamnno come ci si attendeva ha riportato con i piedi per terra gli investitori che per gran parte della seduta avevano fatto leva sul buon dato della fiducia dell’Università del Michigan. Particolarmente colpito dalle vendite il settore tech dopo che Gartner ha tagliato le stime sulle vendite di pc per l’intero 2010 affermando che la seconda parte dell’anno non sarà robusta come inizialmente prospettato. Il Nasdaq termina con un calo dello 0,28% a 2.114 punti. Piatti il Dow Jones +0,05% a 10.014 e l’S&P500 +0,04% a 1.049 punti.