WALL STREET: PIU’ OTTIMISMO SUL COSTO DEL DENARO

24 Maggio 2006, di Redazione Wall Street Italia

Avvio di seduta positivo per gli indici Usa. Il dato sugli ordini dei beni durevoli ha incrementato le speranze di un possibile stop al ciclo rialzista sui tassi. Il Dow Jones e’ in rialzo dello 0.31% a 11133, l’S&P500 guadagna lo 0.26% a 1259, il Nasdaq e’ in progresso dello 0.69%, a quota 2163. Anche se, al tempo stesso, il dato ha alzato i timori di un possibile futuro rallentamento economico, gli operatori sembrano non sovrappesare, al momento, il fatto, entusiasti della possibile pausa all’aumento del costo del denaro.

Nel mese di aprile, gli ordini di beni durevoli hanno registrato un calo del 4.8%, dopo essere balzati del 6.6% nel mese precedente. Il dato si e’ attestato ad un livello nettamente inferiore alle attese degli analisti che si attendevano una variazione negativa dello 0.5%

Gli altri dati in calendario riguardano il comparto immobiliare (vendite di case nuove) e quello energetico (scorte di petrolio). Ieri l’impennatia del greggio aveva contribuito al sell-off dell’ultima ora che ha costretto i listini ad invertire rotta, passando in terriotrio negativo. Al momento i futures con scadenza luglio sono in calo di $1.04 a $70.72 al barile.

Sul fronte societario, in netto progresso i titoli delle aziende attive nella ricerca e sviluppo di un vaccino efficace contro il letale virus H5N1. Gli ultimi aggiornamenti giunti dall’Indonesia lasciano pensare ad una modificazione del virus che renderebbe piu’ semplice il contagio tra gli umani. Al momento non sono state condotte ancora verifiche a riguardo.

In forte progresso General Motors, che beneficia dell’upgrade di Merrill Lynch a Buy.Il titolo guadagna quasi il 4%.

Vedi decine di small e medium cap in forte crescita segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 8 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link INSIDER

Sul valutario, in recupero l’euro nei confronti del dollaro a quota $1.2842. In forte calo l’oro, che cede interamente i guadagni ($16) registrati nella giornata di ieri. Al momento i futures con consegna giugno perdono $22.20 a $651.50. In rialzo i titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ sceso al 5.02%.