WALL STREET: PARTENZA COL FRENO TIRATO

27 Settembre 2006, di Redazione Wall Street Italia

Gli indici americani iniziano la seduta di borsa in leggero calo a causa del deludente dato macro rilasciati prima dell’apertura. Il Dow Jones perde lo 0.06% a 11670, l’S&P500 lo 0.03% a 1335, il Nasdaq arretra dello 0.12% a 2259.

Con il mercato azionario particolarmente sensibile agli sviluppi economici, il calo degli ordini di beni durevoli relativo al mese di agosto ha avuto un effetto negativo sul sentiment degli investitori, ancora preoccupati sulle conseguenza che il rallentamento economico potra’ avere sui profitti aziendali. L’indicatore e’ scivolato dello 0.5%, risultando inferiore alle attese degli analisti che erano per un progresso dello 0.4%. Nel mese precedente l’indice era sceso del 2.7% (dato rivisto).

Nella giornata di ieri, il rimbalzo della fiducia dei consumatori dai minimi di nove mesi segnati ad agosto, aveva innescato un rally dei listini che aveva portato il Dow Jones a soli 53 punti dai massimi storici.

Alle 16:00 ora italiana, verra’ comunicato il dato sulle vendite di case nuove. In avvio di settimana, le vendite di case esistenti sono risultate in calo, evidenziando un prezzo medio di vendita inferiore a quello dell’anno precedente anno per la prima volta dal 1995.

Mezz’ora piu’ tardi, l’attenzione sara’ polarizzata dal comparto dell’energia, con la comunicazione dei dati settimanali sulle scorte di petrolio. Le attese sono per un incremento delle riserve di prodotti distillati e per un nuovo decremento di quelle di greggio. Intanto, in avvio, i futures con scadenza novembre sono in progresso di 43 centesimi a $61.44 al barile.

Riflettori puntati sul comparto dell’auto. I dirigenti di General Motors incontreranno in giornata a Parigi il board di Renault per discutere su una possibile alleanza. Il Wall Street Journal annuncia, pero’, che le trattative potrebbero incontrare seri ostacoli.

Nel comparto hi-tech, delusione dalla societa’ software distributrice del sistema operativo Linux, Red Hat. Il gruppo ha riportato una trimestrale in linea con le attese. Il titolo cede il 19% nela fase iniziale.

Vedi decine di small e medium cap in forte crescita segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 8 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link INSIDER

Sugli altri mercati, sul valutario, l’euro e’ stabile nei confronti del dollaro a $1.2696. L’oro avanza di $3.90 a $601.00 l’oncia. In rialzo i titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ sceso al 4.5630%.