Wall Street parte col piede giusto, riflettori ancora su BP

14 Giugno 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Partenza nel segno più per la borsa di Wall Street, che si lascia influenzare positivamente dal buon andamento dell’Europa. In una sessione priva di spunti macro e societari di particolare rilievo, l’attenzione degli investitori dovrebbe concentrarsi soprattutto sul caso BP in attesa del discorso di Obama alla nazione di domani, mentre continuano le discussioni se la compagnia deve distribuire o meno il dividendo. Secondo molti analisti il tracollo delle azioni del gigante petrolifero potrebbe attrarre nuovi azionisti interessati ad una scalata. Intanto cominciano ad arrivare commenti pesanti da parte delle rivali di BP, che temono per gli esiti negativi della moratoria di Obama sulle nuove perforazioni nel Golfo. Oggi, secondo quanto riportato dal Wall Street Journal, è stata la volta della Chevron che ha affermato che il disastro sulla Deep Hotrizon poteva essere evitato. Il nuovo slancio dell’euro nei confronti del dollaro fa tirare un sospiro di sollievo ai titoli esportatori, mentre gli energy dovrebbero trarre vantaggio dal rialzo del petrolio. Sulle prime battute, l’S&P500 avanza dello 0,70% a 1.099 punti, il Dow Jones dello 0,66% a 10.278 punti, mentre il Nasdaq avanza dello 0,97% a quota 2.265.