Società

WALL STREET PARTE BENE, INFLAZIONE SOTTO CONTROLLO

Questa notizia è stata scritta più di un anno fa old news

Apertura in buon rialzo per gli indici americani, che fanno tesoro dei buoni numeri comunicati nel rapporto occupazionale di agosto, da cui si evince un leggero affievolimento delle pressioni inflazionistiche. Il Dow Jones guadagna lo 0.36% a 11422, l’S&P500 lo 0.39% a 1308, il Nasdaq e’ in rialzo dello 0.55% a quota 2195.

Il numero dei nuovi posti di lavoro e’ cresciuto di 128 mila unita’ nell’ultimo mese, rispettando le stime degli analisti che erano per un progresso di 125 mila. La nota positiva la si legge nella componente del salario orario, cresciuto di appena due centesimi, ovvero dello 0.1%, contro lo 0.3% atteso.

Ma la giornata e’ ancora ricca di aggiornamenti economici. Alle 15:50 ora italiana verra; diffuso il dato rivisto sulla fiducia Michigan, dieci minuti piu’ tardi sara’ la volta della spesa per le costruzioni e dell’indice ISM manifatturiero.

Sul fronte societario, il comparto retail (ieri sorvegliato speciale a causa della comunicazione delle vendite comparate) lascera’ la scena al settore dell’auto, in occasione dei dati mensili sulle vendite. E’ atteso inoltre un aggiornamento infratrimestrale di General Motors sui piani di produzione.

Passando al comparto energetico, prima dell’apertura il greggio resta stabile dopo essere stato protagonista di una seduta altamente volatile nella giornata di ieri, in cui scadeva l’ultimatum posto dalle Nazioni Unite all’Iran per la sospensione del progetto nucleare. Come previsto, Teheran ha deciso di non sospendere le operazioni di arricchimento di uranio, e le possibili sanzioni che potrebbero essere applicate ad uno dei maggiori produttori mondiali di greggio, sollevano alcuni timori.

Al momento, pero’, non sembra concretizzarsi tale ipotesi: nei prossimi giorni le potenze europee si riuniranno per decidere se adottare la linea dura o meno nei confronti del Paese. Nelle contrattazioni elettroniche, i futures con scadenza ottobre segnano un leggero progresso (10 centesimi) a $70.36 al barile.

Vedi decine di small e medium cap in forte crescita segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 8 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link INSIDER

Sugli altri mercati, sul valutario, l’euro e’ in calo nei confronti del dollaro a quota $1.2774. L’oro e’ in ribasso di $2.90 a $631.30 l’oncia. In ribasso anche i titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ salito al 4.76%.