WALL STREET: PARTE BENE GRAZIE A GIAPPONE E NOKIA

15 Marzo 2001, di Redazione Wall Street Italia

A mezz’ora dall’apertura delle contrattazioni sulle borse USA, tutti gli indici si presentano col segno piu’. Bene il Nasdaq, che beneficia della buona performance di Nokia, e guadagna oltre il 2,5%.

In rialzo anche il Dow Jones, che torna sopra quota 10.000 punti, grazie alla buona partenza di Microsoft e Intel, i due titoli quotati al Nasdaq che fanno parte dell’indice delle 30 blue chip.

Verificare aggiornamento indici in tempo reale in prima pagina.

A galvanizzare gli investitori, dopo la pesante flessione degli indici di ieri, ci sono anche le notizie arrivate questa mattina dal Giappone, dove il ministro delle Finanze, Kiichi Miyazawa, ha proposto la costituzione di un fondo d’investimento con denaro pubblico per sostenere le istituzioni finanziarie in crisi.

Una proposta che ha allontanato in parte le preoccupazioni per lo stato di salute delle banche nipponiche.

“La proposta di Miyazawa da’ un’opportunita’ a quegli investitori che puntano sui titoli di aziende orientate all’esportazioni, specialmente del settore tecnologico”, commenta Masatsugu Nakagawa, senior portfolio manager di Kokusai Asset Management.

Nel settore tecnologico questa mattina il gigante finlandese dei cellulari Nokia ha annunciato utili trimestrali in linea con le aspettative, nonostante la contrazione nelle vendite di apparecchi telefonici.

“L’annuncio di Nokia e’ un segno positivo per il mercato – commenta Adrian Brass, money manager di Investec Asset Management – dimostra infatti che societa’ solide con un management forte possono produrre buoni risultati anche in momenti di debolezza del mercato”.

Sul fronte macroeconomico, questa mattina il dipartimento del Lavoro Usa ha reso noto che i prezzi dei beni importati negli Stati Uniti in febbraio hanno registrato un rialzo dell’1,7%, mentre quelli dei beni esportati sono invece scesi dello 0,2%.

Il mercato non sembra preoccupato per una possibile ripresa dell’inflazione, visto che, eliminata la componente volatile del settore petrolifero, i prezzi dei beni importati hanno registrato un rialzo contenuto, pari allo 0,1%.

Tra i principali titoli in movimento in mattinata a Wall Street:

Nel settore telefonico:

Il gigante telefonico BellSouth (BLS – Nyse) sta portando avanti trattative per l’acquisto di Sprint (FON – Nyse), il terzo operatore di telefonia a lunga distanza degli Stati Uniti. Lo riporta l’edizione oggi del Washington Post. Il titolo BellSouth perde oltre il 2%, mentre il titolo Sprint e’ sostanzialmente invariato.

Nel setttore telecomunicazioni:

Il colosso finlandese Nokia (NOK – Nyse) ha fatto sapere di attendersi per il primo trimestre margini superiori a quanto precedentemente anticipato e utili in linea con le attese del mercato. Il titolo guadagna il 15,5%.
(Vedi Utili: Nokia prevede primo trimestre in linea)

Nel settore software:

Gli investitori hanno gli occhi puntati sul colosso del software Oracle (ORCL – Nasdaq) che diffondera’ i dati di bilancio relativi al primo trimestre dell’anno questa sera dopo la chiusura delle contrattazioni. Il titolo guadagna oltre l’1,5%.
(Vedi Software: Oracle sotto i riflettori)

Nel settore trading online:

Charles Schwab (SCH – Nyse), il piu’ grande broker online degli Stati Uniti, ha fatto sapere oggi che la media degli scambi giornalieri effettuati tramite la sua piattaforma e’ scesa del 13% in febbraio rispetto al mese precedente. La diminuzione di traffico ha portato la societa’ a ridurre il proprio organico a 25.500 dipendenti, tagliando 850 dipendenti negli ultimi due mesi. Mercoldi’ la banca d’affari Bear Stearns ha ridotto le previsioni sugli utili del primo trimestre di Schwab del 15%, a 10 centesimi per azione. Il titolo perde oltre l’1,5%.