WALL STREET: ORACLE AFFOSSA L’HIGH TECH

2 Marzo 2001, di Redazione Wall Street Italia

A un’ora dalla soglia di meta’ giornata sulle borse a New York, continua il momento no per quasi tutti gli indici, solo il Russell 2000 (l’indice delle societa’ a bassa capitalizzazione) viaggia attorno alla soglia della parita’.

Verificare aggiornamento indici in tempo reale in prima pagina.

Ancora sotto pressione il Nasdaq, sepolto dalla valanga di ‘downgrade’ arrivati da Credit Suisse First Boston e Goldman Sachs sul settore dei software e dal ‘profit warning’ lanciato giovedi’ da Oracle.

“Quando una blue chip dell’high tech come Oracle lancia un ‘profit warning’, e’ inevitabile un coinvolgimento di tutto il settore”, commenta Miles Barryman, money manager di J.P. Morgan Chase.

“In una fase in cui gli utili sono continuamente rivisti al ribaso bisogna stare cauti – avverte Berriman – sia nel medio, che nel breve termine”.

Il money manager consiglia dunque di puntare su titoli piu’ sicuri come i farameceutici Pfizer Inc. e Merck & Co.

Sui listini in generale stanno mostrando una tendenza al rialzo il settore petrolifero, meccanico, accessori per auto, computer hardware.

In calo invece il settore abbigliamento, computer software, intrattenimento e telefonico.